^ Essere aperti alle possibilità (parte 1)

Eventi dal Vivo No Comments »

Ciao,

mi sono accorto che volevo parlare di un argomento… ovvero volevo dare una prima impressione del seminario The Journey, riguardo una lezione che ho rafforzato a quell’evento… ed invece parlerò di un’altra cosa. ;-)

O meglio parlerò dello stesso argomento in un modo diverso… ovvero di

 

essere aperti alle possibilità.

 

Mi spiego meglio… :-)

Oggi ho scoperto per caso un convegno “Per portare il grigio giorno in luce d’amore“… (27, 28 e 29 marzo 2009 a Tirrenia (Pisa) )…

e non so perchè ho avuto una compulsione irresistibile ad andarci nonostante altri impegni (fra cui uno importante) … non chiedetemi perchè.

(a dire il vero è stato possibile, grazie anche al fatto che il luogo di questo evento non era molto lontano).

Il primo giorno del seminario è stato realmente interessante… vari interventi che mi hanno colpito, fra cui gli argomenti della PMT e dell’Enneagramma (esposto da Don Sergio Messina); fra i relatori vi saranno anche dei personaggi importanti e noti come il fisico Vittorio Marchi e Marino Parodi

Ho scoperto tante cose nuove che mi hanno realmente appassionato…. e forse strane coincidenze (ancora da esplorare) con una sensitiva (da non confondere con maghi o fattucchiere… faccio notare che di tali tematiche fino a qualche anno fa, non ne avrei mai neppure voluto sentir parlare):

Il seminario riguarda l’esperienza dell’aldilà fra Scienza e Fede.

Perchè vi sto parlando di queste cose?

Dicevamo di stare aperti alle possibilità… concetto in cui ho cominciato a credere da qualche anno a questa parte, e che si è ampiamente rafforzato al seminario The Journey… come un messaggio compulsivo… in questi giorni… ovvero…

  

Fai un passo verso la grazia

e

la grazia ne farà 100 verso di te!

E questo indipendentemente dal tuo credo religioso… (ammesso che tu ne abbia uno)…

intendo dire che ogni giorno, la vita ti offre delle possibilità e risorse impensabili… ed il messaggio che ho ricevuto e vissuto in questo periodo della mia vita e che ti voglio a mia volta trasmettere… è:

quando senti quella irresistibile vocina o sensazione interna che ti spinge a fare un qualcosa che senti di dover fare (ovviamente senza nuocere agli altri) e che apparentemente può sembrare assurdo, improbabile o senza senso… fidati di quella tua guida interiore e procedi nel cogliere quella opportunità!

Non puoi sapere dove quel percorso ti porterà… forse più lontano di quanto tu possa immaginare! ;-)

Questo evento è stato organizzato da Casa Grande il Nespolo.

 

Capirete nella seconda parte di questo articolo, l’accostamento con The Journey

 

Un forte abbraccio,

Giulio

Tags: , , , ,

? Risolvere i conflitti interiori = autoguarigione?

Guarigione, Recensioni 4 Comments »

Ciao,

conosciamo davvero le nostre potenzialità di autoguarigione e l’importanza di risolvere i conflitti interiori?

Perchè vi sono dei casi di persone che riescono a guarire da malattie importanti considerate irreversibili dalla medicina, risolvendo conflitti interiori?

Risolvere i conflitti interiori passati equivale alla libertà emotiva e fisica?

Risolvere i conflitti interiori passati equivale alla libertà emotiva e fisica?

Si tratta di miracoli o c’è dell’altro?

Nel 1992, a Brandon Bays fu diagnosticato un tumore all’utero, grosso come una palla da basket…

decise nonostante le pressioni del suo medico chirurgo, di prendersi un mese di tempo prima di decidere se curarsi con le metologie classiche della medicina.

La sua anima sentiva di poter guarire senza farsi “tagliare” una parte di se e senza intraprendere le consuete vie invasive e poco salutari attualmente in uso (es. chemioterapia).

E’ curioso far notare in una statistica, che alla domanda:

Ti faresti curare da un tumore con le metodologie convenzionali attuali?

L’80% dei medici intervistati, ha risposto no! :-(

Brandon, nonostante la “non consapevolezza” di come fare (malgrado le sue conoscenze di pratiche salutari), sentiva una voce interiore, dirle che ce l’avrebbe fatta… ed in quel mese iniziò così il suo viaggio (The Journey) alla scoperta di se stessa.

Con l’aiuto di alcune persone, seguendo vie alternative (alla medicina ufficiale) dell’autointrospezione…  dopo sei settimane e mezzo, ripetendo le analisi, fu diagnosticata perfettamente sana! :-)

Dopo molto scavare dentro se, la chiave della guarigione, fu la scoperta di un ricordo traumatico dell’infanzia, che la portò a perdonare le persone coinvolte all’epoca… storie sepolte, ma storie profondamente impresse nelle memorie cellulari del corpo.

Da qui è nato il processo The Journey che Brandon Bays ha scoperto sulla sua pelle… un processo capace di condurre:

  • alla liberazione di anni di blocchi fisici ed emotivi;
  • al ritrovamento del pieno potenziale interiore, espressione del vero se;
  • alla sperimentazione della gioia illimitata interna.

Se sei interessato, ti consiglio di leggere l’interessante libro “The Journey” – Brandon Bays, contenente tutta la storia di Brandon e la descrizione della metodologia.

Ho letto il libro l’altra estate ed in questo weekend andrò al primo seminario intensivo dal vivo in Italia, per capirne di più e sperimentare sul campo. ;-)

Cosa sappiamo realmente delle nostre vere potenzialità?

sappiamo forse l’1% (ad essere ottimisti) del fatto che siamo un’unità formata da corpo mente e spirito e quando una parte di esse non è al meglio, nascono i conflitti interiori.

Credo che limitarsi a considerare ed analizzare l’uomo solo dagli effetti del corpo (malattia) senza risalire alla causa inflitta alle altre componenti (mente e spirito), sia davvero molto riduttivo.

Vi farò comunque, sapere fra un po’ di tempo di questa esperienza dal vivo. :-)

Ad ogni modo nel libro è descritta anche la procedura.

Buonanotte, alla prossima settimana.

Giulio

Tags: , , ,

* Il potere del subconscio

Potenzialità del Cervello 3 Comments »

Ciao,

hai mai pensato a quanto sia grande il potere del subconscio?

Ti sei mai chiesto, perchè continuiamo ad avere determinati comportamenti, od abitudini, malgrado continuiamo a ripeterci a parole tante “fregnacce” del contrario?

La tua vita è guidata da un pilota automatico: il subconcio!

guida del subconscio
guida del subconscio

Ti sarà capitato ad esempio, di guidare in auto durante un viaggio od un tragitto, mentre la tua mente magari stava pensando ad altre cose al punto di non occuparsi conscientemente della guida… 8O

poi quando sei arrivato a destinazione, ti sei scosso e ti sei reso conto conscientemente che nonostante tutto, eri arrivato perfettamente sano e salvo! :-)

Che cosa è successo?

Il potere del subconscio è enorme!

La tua mente subconscia è in grado di compiere azioni in automatico una volta apprese, con grandi capacità di elaborazione (dell’ordine di 40 milioni di bit al secondo), rispetto alla mente conscia che ha capacità di elaborazione inferiori (40 bits/al secondo)!

Analizzando l’esempio della guida, una volta appreso come guidare (ai tempi della scuola guida), il subconscio è in grado di compiere tale operazione in automatico senza conferma dalla parte razionale o conscia.

Questo cosa comporta?

Il subconscio conosce molto più, di ciò che tu creda!

Comporta che le abitudini o certi comportamenti ripetitivi sono legati a ciò che abbiamo assimilato nei primi 5 o 6 anni di vita dai nostri genitori, dai nostri parenti o dalle persone che ci circondavano e dalle esperienze di vita al punto che hanno creato delle esperienze assimilate ed immagazzinate dal nostro cervello.

Queste tanto più cariche emotivamente sono state in passato (di solito traumatiche), verranno utiliizzate nel futuro (nonostante noi ne siamo più o meno consapevoli) e tenderanno a condizionare i nostri comportamenti, abitudini.

Questo crea le basi per le tue credenze e sono le fondamenta della tua personalità:

  • puoi sentirti degno od indegno
  • confidente o sospettoso
  • socievole od asociale
  • comportamento da vittima od attivo
  • e così via…

Questo comporta anche che a differenza delle diverse velocità di elaborazione fra la parte razionale e quella subconscia, facciamo fatica con la sola forza di volontà a cambiare un’abitudine…

è come se volessimo spostare un elefante spingendolo, piuttosto che attraendolo magari con del cibo o con qualche altro stratagemma più convincente! Chiaro? ;-)

Vi sono degli aspetti del subconscio che però sono molto positivi… (guai se non fosse così)… :-)

il subconscio è responsabile delle funzioni vitali…

ad esempio il tuo cuore continuerà a battere senza che tu decida razionalmente di farlo :-D

e così anche altre funzioni vitali come la respirazioine, ecc.

Il tuo subconscio funziona anche quando dormi!

Nonostante la parte cosciente non sia vigile, vi è però la parte subconscia che è completamente attiva ed in grado di recepire… (non a caso si possono assimilare od incamerare certe informazioni anche quando dormiamo, parlando al nostro subconscio, tramite ad esempio CD audio…).

Nei prossimi articoli approfondiremo, di certe recenti ricerche scientifiche e di alcune tecniche per riscrivere nuovi comportamenti.

Un abbraccio,

Giulio

Tags: , , ,

^ Convinzioni o credenze sulle vite passate

Recensioni, Spiritualità 1 Comment »

Ciao!

Nuovi Misteri e nuove convinzioni o credenze sulle vite passate, si stanno sempre più facendo spazio in questi ultimi anni.

Le vite passate, rappresentano solo credenze o leggende metropolitane dell’immaginario collettivo?

Si può credere o non credere, ognuno può avere delle convinzioni in merito (l’influenza delle convinzioni è una delle tematiche principali di questo blog, assieme alle straordinarie potenzialità della mente ed il loro effetto sul corpo e sullo spirito :-) ), fatto sta, che vi sono delle testimonianze, avvenimenti e concidenze inspiegabili sempre più molteplici di persone appartenenti a zone diverse del pianeta ed a diverse condizioni sociali, che accrescono la curiosità e che spingono a porsi delle domande.

La reincarnazione è la teoria secondo la quale l’anima sopravviverebbe alla morte e rinascerebbe all’interno del corpo di un nuovo individuo. L’induismo od il buddismo e molte religioni orientali, contemplano questa possibilità, cosa che invece non prevede la religione cristiana (anche se, secondo certe statistiche, un cristiano su quattro confida di credere nella reincarnazione).

Eppure vi sono casi inspiegabili di persone che testimoniano episodi di vite precedenti!

Fra questi soggetti, vi sono oltre agli adulti, anche molti bambini (fra i 5-6 anni); a tal proposito vi sono inchieste condotte direttamente sui luoghi indicati (spesso dai bambini)  di cui spesso coloro che le indicano non hanno avuto mai alcuna conoscenza e che invece hanno rivelato coincidenze reali  ed impressionanti di luoghi o persone ed avvenimenti indicati.

Di storie strabilianti, ve ne sono molte: alcune a dire il vero, sono risultate essere false, ma alcune non trovano davvero risposta!

Uno dei casi più sorprendenti è quello di un bambino americano Gus Taylor che ha sempre sostenuto fin dai primi anni in tenera età, di essere stato nella vita precedente, il proprio nonno. Il padre Ron, ricorda benissimo che mentre ad un anno e mezzo cambiava il pannolino al figlio, questi lo abbia guardato negli occhi e li abbia detto che quando aveva sua età, era lui a cambiarli i pannolini! Il nonno di Gus si chiamava August (nonno Augy) e morì, l’anno prima che il nipote nascesse! :-|

Fu grande la sopresa dei genitori quando Gus a pochi anni vide per la prima volta una vecchia foto di un album famiglia e riuscì ad individuare ”il nonno” e la sua automobile; i genitori si sconvolsero ancor di più quando Gus da bambino disse che quando era il nonno, aveva una sorella che era morta e che si era trasformata in un pesce e che era scomparsa a causa di alcune persone cattive. In effetti nonno Augy, aveva avuto una sorella che venne uccisa ed il suo corpo fu gettato nella baia di San Francisco! Nessuno in famiglia aveva mai parlato di queste cose! 8-O

Certe predisposizioni od avversioni per luoghi o persone o certe abilità in qualcosa che abbiamo, secondo i vari casi documentati di esperienze di vite passate, sembrano essere derivate da vite precedenti.

Vi è una base di fondatezza riguardo alle vite precedenti?

Una vera rivoluzione della psicologia, ha dimostrato la validità della terapia regressiva.

Fra vari libri del settore, uno molto interessante è a mio giudizio il libro Oltre le porte del tempo dello psichiatra Brian Weiss esperto di reincarnazione ed ipnosi regressiva.

Nel libro sono descritti moltissimi casi di persone che riescono a curare molti problemi fisici ed emotivi attraverso l’ipnosi regressiva che le porta a rivivere o ricordare episodi di altri periodi ed in altri luoghi con cui non hanno avuto alcun legame (almeno nella vita attuale).

La cosa incredibile è che nella maggior parte dei casi, spesso le persone ripercorrendo questo viaggio nella memoria, si trovano a vivere situazioni di altri periodi con le stesse persone a cui sono legate nel presente, ma con ruoli diversi (ne è un esempio la storia di Gus)! Vi sono casi di persone che vivono una vita da uomo ed un altra da donna con condizioni sociali diverse. Spesso in queste vite passate vi sono le cause di alcuni disagi o problematiche del presente e la cosa straordinaria e che nella grande maggiornaza dei casi, le persone guariscono miracolosamente da certe problematiche fisiche od emotive dopo aver riportato alla luce certi episodi!

Si parla infatti anche di memorie presenti a livello cellulare.

Brian Weiss racconta anche come è avventua la sua profonda trasformazione da professionista all’interno dei canoni della scienza nel campo della psichiatria, fino all’incontro con una sua paziente Catherine, che durante una seduta di sperimentazione di ipnosi, ella le parlò di alcuni particolari (conosciuti solo da lui) legati alla morte del padre e del primogenito dello stesso psichiatra.

Brian Weiss racconta anche delle sua difficoltà a divulgare le sue scoperte non canoniche nella terapia regressiva, essendo uno psichiatra stimato, fino all’incontro con altri studiosi nel settore non usciti ancora allo scoperto ed aventi avuto esperienze simili con i loro pazienti.

Il libro contiene anche delle tecniche consigliate dall’autore, da sperimentare anche per conto proprio; vi è da dire che alcuni studiosi del campo consigliano però (prima di intraprendere sperimentazioni solitarie) di rivolgersi a dei veri esperti nel settore (ve ne sono anche in Italia).

Dato comunque il tema piuttosto delicato, approfondirò in futuro nelle mie ricerche tale argomento assieme alla tematica della PMT – Pyramidal Memories Transmutation (Trasmutazione Piramidale delle Memorie) e spero di riuscire a farlo portando testimonianze interessanti di studiosi e persone esperte nel settore. ;-)

Buona serata,

Giulio

Tags: , , , , , ,

~ Si può dimagrire senza sacrifici? (parte 2)

Psicologia Benessere, Recensioni No Comments »

Ciao,

considerando quanto detto l’altra volta, riguardo i negativi approcci delle diete basate sul sacrificio e sulla sola forza di volontà,

quale è allora una metodologia per dimagrire senza sacrifici?

Paul McKenna è uno dei più grandi ipno-terapeuti (inglese) attualmente vivente che ha compiuto prodigi in vari campi della psiche umana, curando disturbi di varia natura. Provare per credere!

Le strategie suggerite da Mckenna sono molto efficaci e riportano ad un rapporto più naturale e sano con il proprio corpo e con il cibo. Sono una prova di quanto la propria mente può influire sul proprio corpo e sul proprio spirito.

Vi sono 4 regole per dimagrire senza sacrifici, vediamone una ad una:

 

REGOLA 1) Mangia solo quando hai DAVVERO fame.

La fame nervosa o la voglia di qualcosa in particolare, non sono un bisogno di cibo e non vanno prese in considerazione; la fame nervosa è improvvisa e spesso si riduce ad una disidratazione del corpo, tanto è vero che in questi casi è consigliato bere uno o due bicchieri d’acqua per farla sparire. Nel caso questa voglia non si plachi, esiste una procedura basata su EFT per far passare queste voglie nervose (per i dettagli leggi il libro + CD di Paul McKenna – “Posso farti dimagrire”).

REGOLA 2) Mangia cosa desideri e non cosa devi.

Se desideri ad esempio un piatto di patate fritte ed un gelato, mangiali! Il tuo corpo ti sta mandando dei messaggi chiari su cosa ha bisogno. Non mangiare l’insalata per scrupolo.

Sì, lo so cosa ti stai domandando… ma allora se mangio questi “troiai”, poi la mia alimentazione è sbilanciata? NO! Perché poi il tuo organismo arriverà ad un punto da non desiderare più queste cose per un periodo ed a te verrà voglia in modo naturale di mangiare alimenti più sani.

REGOLA 3) Mangia lentamente, mastica e gustati ogni boccone senza fare altre attività inutili.

Oggi mangiamo sempre di fretta e spesso non siamo nemmeno consapevoli di cosa mangiamo! Impariamo ad ogni boccone a posare forchetta e coltello od il cucchiaio (oppure posando il panino ad ogni morso), cercando di masticare e gustare cosa abbiamo in bocca ed osservando i colori e l’aspetto di cosa mangiamo (non hai idea di quanto sia importante coinvolgere tutti i sensi in ogni attività per il nostro cervello!).

C’è gente che guarda la tv, parla, legge, fuma e fa le peggio cose mentre mangia! Sembrerà strano, ma il cervello riesce a fare bene una sola cosa per volta (eccetto le azioni inconsce ormai incamerate: ad es. guidare e parlare) e quindi ha necessità di concentrarsi su cosa sta facendo per meglio assimilare e non sprecare energie inutili.

REGOLA 4) Abolisci la teoria del “piatto pulito”.

Quando non hai più fame, fermati e smetti di mangiare! Non terminare quello che hai nel piatto ad ogni costo. Basta con la vecchia storia popolare dei bambini dell’Africa che muoiono di fame; che importa a loro se te finisci tutto e diventi 120kg mangiando anche quello che non desideri perché sei ultra pieno? Cambierà la loro condizione? Non credo proprio. Occorre ben altro per aiutarli!

Non aspettare di essere pieno come un uovo per smettere, smetti quando non hai più fame! Se invece hai ancora fame, mangia!

 

Puoi trovare tutti i dettagli ed altro nel libro + CD di Paul McKenna – “Posso farti dimagrire”

Queste regole per dimagrire, funzionano realmente?

Sì,… per esperienza personale, occorre ricordarsi di applicare le regole… almeno per 21 giorni (tempo considerato necessario per consolidare una nuova abitudine).

Non a caso assieme al libro viene fornito un CD per riprogrammare il proprio subconscio ad applicare le regole con facilità.

Per oggi è tutto, ma vi sono anche altre cose da sapere per facilitare ulteriormente questo processo.

Alla prossima, :-)

un abbraccio.

Giulio

Tags: , , ,
Designed by NattyWP Wordpress Themes.
Images by desEXign.