? Esperienze fuori dal corpo possibili?

Convinzioni, Spiritualità 5 Comments »

Ciao,

ho sempre creduto che ci fosse molto di più oltre a quello che vediamo o che i nostri sensi percepiscono. Una delle tante possibilità che mi hanno incuriosito ultimamente, sono le esperienze fuori dal corpo (o dette anche obe od O.B.E.E. ovvero Out of Body experience).

Fino a qualche anno fa, ne sarei rimasto spaventato. :-(

Siccome sono un curioso per natura… mi sono chiesto:

come cambierebbero certe convinzioni se una persona sperimentasse un’esperienza fuori dal corpo?

Già, cosa cambierebbe… sulla tue convinzioni che hai della realtà?

Credo che probabilmente riuscire ad accedere tramite esperienze obe ad una realtà diversa (rispetto a quello che percepiamo con i nostri sensi) … e probabilmente più spirituale, … farebbe cambiare la coscienza delle persone sulla vera importanza di certi valori e probabilmente si instaurerebbero dei rapporti fra gli uomini molto più profondi di quelli attuali… e questa ovviamente è una mia opinione personale.

Riguardo alle esperienze fuori dal corpo, stiamo parlando di fantasia o di una possibilità realmente fattibile?

Prove scientifiche non ve ne sono (in quanto difficilmente rilevabili o misurabili da un osservatore reale esterno)… ma questo non significa nulla riguardo alla possibilità che ciò non possa essere possibile (almeno per come la penso io). :mrgreen:

Mi piace sperimentare prima di decidere in proposito.

Eppure William Buhlman (considerato uno dei massimi esperti mondiali di esperienze extracorporee) nel videocorso in dvd “Liberarsi dal guscio”, dice che tutti possono sperimentare le esperienze fuori dal corpo. Occorre avere pazienza e non scoraggiarsi anche dopo qualche mese (lui parla di almeno 2 mesi).

Infatti dopo che ho visto questo video, ho cominciato a sperimentare… cercando di compiere dei viaggi fuori dal corpo od dei viaggi astrali. In questo video che o trovato interessante, vengono anche spiegate (tramite meditazioni guidate) due tecniche per avere un’esperienza extracorporea:

  • la tecnica delle affermazioni
  • la tecnica dei tre bersagli.

Fino a questo momento non sono riuscito ancora a sperimentare concretamente un’esperienza obe, ma ho sperimentato dopo essermi addormentato, uno dei sintomi che l’esperienza potrebbe essere plausibile…

ovvero

quella sensazione di cadere nel vuoto!

Ovvero non so se hai mai provato quella sensazione in cui fra il dormi veglia, magari mentre stavi dormendo sdraiato o seduto su una sedia, hai avuto un risveglio repentino come se tu stessi per cadere nel vuoto… eppure quando ti sei risvegliato, eri comodamente seduto senza alcun pericolo… pazzesco vero? 8O

William Buhlman dice che (fra i tanti), quello è uno dei possibili sintomi di un inizio di viaggio astrale. Addirittura nelle sue molteplici esperienze fuori dal corpo, parla di realtà parallele sperimentate!

Prima ho detto che non vi sono prove scientifiche, ma vi sono molte esperienze e testimonianze. Alcuni descrivono fra i tanti vantaggi ottenuti da tali esperienze extracorporee:

  • uno sviluppo di una grande consapevolezza della realtà;
  • la verifica personale della nostra immortalità;
  • la diminuzione della paura di morire;
  • un aumento delle capacità psichiche;
  • la guarigione spontanea;
  • il riconoscimento dell’influenza delle esperienze passate;
  • l’aumento per il rispetto della vita;
  • la riduzione sensibile dei conflitti;
  • la calma interiore;
  • un aumento dell’entusiasmo di vivere;
  • l’aumento della saggezza e della conoscenza piuttosto che delle credenze;
  • ecc.

Lo stesso William Buhlman era un agnostico prima di avere tali esperienze… e poi si è dovuto ricredere!

 

Ho cominciato anche a leggere il libro “Avventure Fuori dal corpo” (ovvero come sperimentare le proiezioni astrali volontarie)…  te ne darò comunque un resoconto completo quando avrò completato la lettura e sperimentato maggiormente le molteplici tecniche dettagliate descritte sempre da William Buhlman. Sempre in questo libro vengono descritte con novizia di particolari tutte le esperienze che l’autore ha sperimentato. 

Ma di questo ne parleremo ancora più avanti (comprese altre risorse) e ti terrò informato se riuscirò a sperimentare un obe od intraprendere un viaggio fuori dal corpo.

Eppure certe persone (come ad esempio quelli definiti Santi) avevano il dono della bilocazione e vi sono fatti e storie inspiegabili annessi a tali “doni”

Se tu che stai leggendo, sei fra quei fortunati che hanno avuto realmente un’esperienza fuori dal corpo, mi piacerebbe davvero avere una tua seria testimonianza.

Un grande abbraccio,

Giulio

Tags: , , , ,

~ Si può dimagrire senza sacrifici? (parte 4)

Psicologia Benessere, Recensioni 8 Comments »

Ciao,

dopo quanto detto nelle parti precedenti di questa serie ”Si può dimagrire senza sacrifici?“, verrebbe da pensare che dimagrire fino a raggiungere la nostra forma perfetta, sia effettivamente facile…

vero, ma può accadere che

qualche programma del tuo subconscio ti impedisce di perdere peso e dimagrire!

Vi sono persone che nonostante i loro sforzi, non riescono proprio a dimagrire o come nella maggior parte delle persone, non riescono a perdere quei chiletti di troppo!

 

Le diete non funzionano (o per lo meno, solo per un certo periodo). Si può perdere un certo peso dopo qualche sforzo con una dieta, ma dopo una volta raggiunto l’obiettivo si ha una certa rilassatezza e tendenza nel ritrovarsi con il peso prima di fare la dieta, più un certo numero di chili aggiuntivi!

L’obiettivo dovrebbere essere proprio quello di evitare la dieta Jo-Jo, in cui si perde un certo peso per poi riacquistarlo in aggiunta con gli interessi. Occorre mantenere il peso raggiunto e che abbiamo perso, altrimenti è inutile!

Spesso il proprio subconscio non vuole realmente dimagrire e quindi non è possibile raggiungere il nostro intento nonostante tutte le nostre buone intenzioni. :-(

Occorre lasciare andare i blocchi emotivi e le credenze negative che ci impediscono di perdere peso senza sforzo per dimagrire senza difficoltà!

Quindi, come si possono lasciare andare i blocchi emotivi del subconscio… per dimagrire?

A differenza di tanti metodi in cui si deve ingerire capsule o bevande di vario tipo, come promesso nella parte precedente, ho provato recentemente un metodo alternativo… con il CD “Dimagrire senza difficoltà” del Dott. Roy Martina.

Lasciami dire una sola parola per descriverlo: FANTASTICO!

(E questa parola non la sentirai pronunciare molte volte da me, se non quando è meritata o necessaria).

Il CD dura circa 54 minuti, ma la cosa strordinaria è che affinchè esso funzioni, puoi ascoltarlo anche mentre dormi! Sì, hai capito bene. :mrgreen:

Infatti il tuo subconscio è responsabile delle tue funzioni vitali (ad esempio il tuo cuore continua a battere anche se tu non ci pensi), e quindi è sempre attento e vigile anche quando dormi.

Voglio raccontarti la mia esperienza:

come consigliato (per una ottimale efficacia), ho provato per un mese il CD ascoltandolo con le cuffie da sdraiato, quando andavo la sera a letto. Da notare che la posizione supina è idonea per la programmazione del subconscio, ma non per la meditazione. Ovviamente, una volta addormentato/a, ci sta che tu non rimanga in quella posizione per tutta la durata del CD… non importa, va bene lo stesso.

All’inizio non è stato facile usare un lettore CD a letto e soprattutto trovare il giusto volume che mi permettesse di ascoltare, ma anche di addormentami… e così ho trasferito le tracce del CD sul mio lettore mp3 (molto più comodo e più compatto) e dopo pochi giorni sono riuscito a trovare anche il livello di volume perfetto per me.

Risultati ottenuti:

  • dopo un mese, non ci crederai, ho perso circa 4 Kg! 8O
  • ho cominciato a mangiare meno “troiai” (perdona il tecnicismo…) ed ho cominciato a mangiare più sano, in particolare molte più verdure.
  • ho cominciato a mangiare meno (senza alcuna fatica).
  • dopo aver sospeso l’ascolto per un mese, ho mantenuto il peso raggiunto (ovvero con 4 kg in meno), fino ad oggi  … ed ormai sono passati 2 mesi dall’ultimo ascolto.

L’unica pecca è che in questo Roy Martina CD (come in tutti quelli della serie Roy Martina Experience), si sente la voce inglese di Roy e dopo la traduzione Italiana di Roberto Re e quindi il CD dura il doppio.

Poco male, tanto quando lo ascolti, tu puoi dormire ed inoltre i concetti ascoltati, vengono recepiti dal nostro subconscio sia in inglese che in italiano. :-D

Oltre a questo Roy Martina CD, parleremo anche di tutti gli altri CD della serie Roy Martina Experience, in altri articoli.

Per concludere, voglio darti un consiglio:

non ti pesare tutti i giorni per monitorare il tuo peso… fallo solo una volta al mese od una volta ogni due mesi. La motivazione è che controllare il peso continuamente, rischia di condizionare il tuo subconscio, non permettendoli di lasciare andare certi blocchi emotivi.

Inoltre… pesati sempre allo stesso orario rispetto all’ultima volta, in quanto il peso del corpo varia spesso(sia in aumento, sia in diminuzione) durante il corso delle 24 ore in base ai tuoi pasti ed a quello che fai.

Non ho la bacchetta magica, ma sono sicuro che troverai fantastica questa risorsa CD.

Buona notte,

Giulio

Tags: , , ,

* Tecniche per memorizzare

Potenzialità del Cervello, Recensioni 2 Comments »

Ciao,

quante volte ti è capitato di non ricordare qualcosa nel momento che ti serviva oppure quante volte ti è capitato di voler memorizzare certe informazioni preziose da usare al momento opportuno senza riuscirci?

Cosa occorre per memorizzare a lungo termine e senza sforzo?

Fin da piccoli o nelle scuole, siamo stati male educati a sviluppare la nostra memoria, e le nostre abilità per memorizzare si sono ridotte alla ripetizione continua ed incessante di “un qualcosa” (come ad esempio quando dovevamo memorizzare una poesia).

L’esempio del nodo al dito (o del fazzoletto o del cambio di dito per l’anello…) sono una prova di quanta fiducia si riponeva nelle capacità del nostro cervello! Proprio tanta! :-(

Ancor peggio quando i genitori od i parenti, ci hanno fatto credere che certi rimedi farmaceutici od alimentari ci avrebbero permesso di sviluppare la memoria al meglio… :-(

Eppure… indipendentemente da quello che ci hanno insegnato…

ognuno è in grado di memorizzare!

Occore solo sapere come fare! ;-)

Anche senza conoscere avanzate tecniche di memorizzazione, il principio è molto semplice:

il binomio memoria – cervello è basato sul fatto che il cervello funziona per associazioni.

Cosa vuol dire? :?

In pratica un ricordo a cui stai pensando, rievoca un altro ricordo annesso (in qualche modo) e così via…

ovvero il principio di base su cui si basano le recenti tecniche di memorizzazione.

I ricordi, sono spesso evocati da un’emozione, un’immagine, un suono, un’assonanza di una parola, ecc…

in pratica un meccanismo che fa scattare un altro ricordo, il quale magari (preso singolarmente) non avrebbe molto in comune con il precedente.

La verità è che il binomio memoria – cervello, è dovuta al fatto che il cervello lavora per associazioni, tramite le sinapsi.

Le sinapsi sono i punti di contatto tra due cellule nervose che consentono la comunicazione tra le cellule del tessuto nervoso ove il segnale passa da una cellula all’altra, a causa di fattori chimico elettrici scatenanti.

Per dirla in parole spicciole… il cervello necessita di vivere un’esperienza multimediale coinvolgente! :-D

Già… proprio quello che ci hanno sempre insegnato a scuola (ripetendo a voce alta in modo noioso e contro voglia) o con modi alternativi bizzarri. :-(

 

Ti suona strano tutto ciò… per memorizzare?

 

Dimmi un po’… con la ripetizione a pappagallo, quanti sensi usi? E dimmi, memorizzare in questo modo è divertente per te?

Bene ti farò un’esempio concreto che mi è capitato…

Qualche mese fa, ero in centro commerciale e stavo guardando un prodotto tecnologico di cui non ti farò il nome… e per valutarne le caratteristiche, volevo fare con calma delle ricerche su interernet, riguardo ai pareri degli utenti che lo possedevano…

non avevo né carta né penna e neanche il celluare con me, e tale prodotto aveva una sigla “ostrogota” difficile da ricordare per più di 20 secondi! :-)

Ovvero VGN-TZ11MN:-( 

Ebbene per memorizzare la sigla, ho pensato allora ad un vigile di sesso neutro (VGN) (ovvero un omone vestito da vigile con barba, seno e tutto truccato da donna) che scriveva con un gesso, un segno meno (-) sul volto del mio amico Tiziano (TZ), il quale teneva due candele (11) una per ogni mano e quando…  tutto ad un tratto una macchina targata Mantova (MN) fosforescente, lo faceva scappare via al suono del clacson! :-D

Sei riuscito a capirci o dedurne qualcosa? :-)

Tutta questa filastrocca me la immaginavo realmente come un film nella mia mente, cercando di sentirne i suoni e restandone emotivamente coinvolto.

Ebbene sono riuscito a ricordami la sigla quando arrivai a casa, tanto e vero che la ricordo ancora adesso mentre la sto raccontando a te!

Una precisazione: più le associazioni sono strambe o coinvolgenti per TE e più il ricordo rimane impresso!

Parleremo ancora di memoria ed apprendimento, ma nel frattempo puoi dare un’occhiata a questo video corso (DVD) interessante di 3 ore e 13 minuti (semplice e completo) “Lettura Veloce & Memoria”. Oltre ai principi delle recenti tecniche di memorizzazioneGiacomo Bruno spiega anche l’importanza delle mappe mentali (che sfruttano il funzionano del cervello delle associazioni di cui ti parlavo) ed i principi dell’apprendimento, della lettura veloce e del ripasso.

Ti chiederai come può stare tutto questo in un DVD di oltre 3 ore. Ebbene le tecniche di memoria e lettura veloce per un apprendimento più coinvolgente e divertente per il cervello, hanno fatto passi da gigante rispetto a qualche anno fa.

Le tecniche di memorizzazione passate funzionavano bene (senza fare nomi ve ne era una da raccogliere in edicola… alcuni avranno capito a cosa mi riferisco), ma avevano il problema che occorreva molto sforzo per ricordare le tecniche stesse. 8O

Fidati! ;-)

Una volta capito i principi, potrai metterli già in pratica ed in seguito approfondire.

In altri articoli ti darò tante altre risorse.

Buona notte,

Giulio

 

Tags: , , , ,

? Si può capire una persona dal suo volto?

Comunicazione No Comments »

Ciao,

come ti comporteresti se tu potessi capire una persona dal suo volto?

E’ possibile?

Sembra davvero incredibile… eppure è così!

Ricordo che ne rimasi molto sorpreso anche io, la prima volta che venni a conoscenza di certe tecniche di fisiognomica e morfopsicologia.

La fisiognomica studia i dati caratteriali di una persona attraverso l’aspetto fisico e la morfopsicologia è una sua evoluzione.

La morfopsicologia, riguarda le relazioni fra la forma del viso e la personalità.

 

Il volto è una vera e propria mappa del tuo passato!

 

Attenzione, morfopsicologia o meno…  non significa che da un’analisi superficiale puoi permetterti di giudicare o catalogare una persona… questo non è una bella cosa nella comunicazione (ed in genere) ed oltretutto…  potrebbe farti prendere parecchi abbagli! Fidati! ;-)

Però, nel volto di una persona, ci sono tanti particolari evidenti che… “urlano”!

Già! Non ne hai idea.

Ad esempio, possiamo dividere il viso in tre piani:

  • Bocca, mento e mascella, riguardano il piano istintuale ed i bisogni primari;
  • Zigomi, naso e orecchie, riguardano il piano emotivo ed il modo di vivere gli affetti;
  • Occhi, sopracciglia e fronte, riguardano il piano cerebrale e la tendenza a “vivere con la testa”;

A seconda delle caratteristiche di ogni piano del viso, possiamo capire tante cose, ad esempio se una persona è più materiale o dà molta importanza alle emozioni, o se vive con la testa fra le nuvole, ecc.!

In base anche alla larghezza dei vari piani ed alle loro caratteristiche, si può capire i cambiamenti che vi sono stati nella vita di una persona, fino al momento attuale!

Dai profili del viso, si può anche capire se vi sono stati dei forti traumi passati o se la persona si è adattata molto bene, aprendosi caratterialmente all’ambiente, ecc. 

In un video corso molto bello “Capirsi al primo sguardo”, Michele Tribuzio dà tante informazioni e concetti e spiega (in due ore e mezzo) in modo chiaro, semplice e divertente, le basi per capire una persona, cogliendo certi dettagli o caratteristiche del volto, che ai non esperti potrebbero sembrare casuali ed insignificanti… ma non tanto insignificanti a chi conosce queste discipline.

Ne eri a conoscenza? ;-)

La straordinaria simpatia trascinante e competenza di Michele Tribuzio (detto anche “zio Mike”), fanno sì che tali concetti rimangano davvero impressi senza tanti giri di parole.

E c’è tanto altro…

In questo DVD “Capirsi al primo sguardo”, si parlerà oltre che di fisiognomicamorfopsicologia in relazione al viso, anche di Psicosomatica (connessione tra un disturbo e la sua natura psicologica) e di Semiotica (studia i segni)…

con cui sarà possibile decodificare immediatamente tutti i messaggi verbali e non verbali di un interlocutore.

Dato il numero elevato di concetti che troverai in questo dvd, ti consiglio di rivederlo più di una volta lasciando passare un breve periodo di tempo (fra una visione e l’altra) e di leggere anche con attenzione il libretto allegato nella confezione, per focalizzare ancora meglio il tutto.

Non farti spaventare, alla fine è tutto molto semplice.

Credo che sia uno di quei casi in cui il prodotto vale molto di più del suo costo… (non sempre un prezzo alto è sintomo di qualità o viceversa).

Una volta imparati i principi, ti consiglio di sperimentare divertendoti… senza giudicare, cercando di verificare in seguito, con domande alla persona “analizzata”… (magari quando avrai raggiunto un livello di confidenza accettabile). :-)

Mi auguro che una volta apprese queste tecniche, possano aiutarti a rendere sempre più efficaci i rapporti con gli altri.

Un abbraccio,

Giulio

Tags: , , , ,
Designed by NattyWP Wordpress Themes.
Images by desEXign.