! Le tue convinzioni plasmano la tua realtà!

Convinzioni No Comments »

Ciao,

hai mai pensato seriamente al fatto che le TUE convinzioni possano plasmare la TUA realtà?

Le convinzioni e le credenze possono condizionare una vita intera!

Ti sembra esagerato che quello che TU credi, possa creare la tua visione della realtà? 8O

Lo pensi davvero? Eppure…

  • quello che hai appreso nei primi 6 o 7 anni di vita dai genitori, parenti o persone che ti circondavano…
  • le tue esperienze personali di vita vissuta crescendo…
  • dove sei vissuto ed in quale realtà sei cresciuto…
  • l’educazione ricevuta e le convinzioni o credenze ricevute da altre persone, che ti hanno condizionato…
  • le convinzioni e le credenze sociali e culturali e della collettività, date per scontate…
  • e forse anche altro, legato inconsciamente ad esperienze di vite passate… su comportamenti o predisposizioni spiccate che si ripetono… (chi può affermare con assoluta certezza di conoscere la verità in un senso o nell’altro? Eppure vi sono molte coincidenze e casi inspiegabili documentati…)

tutto questo, ha fatto sì che si formasse in te una gabbia di credenze e convinzioni (per non parlare di condizionamenti), quasi come un filtro di fronte ad una macchina fotografica che ti fa vedere o NON vedere certe cose… o vederle in modo alterato!

Pensaci bene…

se tu sei convinto di una cosa piuttosto che di un’altra, orienterai i tuoi comportamenti ed azioni in una certa direzione specifica…

Il problema è se queste convinzioni sono limitanti per te:-(

Almeno se fossero potenzianti… come cambierebbero in quel caso le tue azioni? ;-)

In pratica…

Ognuno ha una sua visione o proprie credenze della realtà!

Convinzioni o credenze condizionano tutto quello che fai…

Alla luce di questo, credi che riuscirai facilmente a convincere un’altra persona del contrario, in base alla TUE credenze e convinzioni della realtà?

Gli assurdi accadimenti mondiali (come guerre, azioni terroristiche, fanatismi religiosi, carenze sanitarie ed alimentari per gran parte della popolazione mondiale, controllo e giochi di potere, ecc.)… mostrano davvero il contrario. :-(

Tutto ciò è un chiaro segno di svariati modi di condizionamento. A cosa credi siano dovuti?

E che dire invece riguardo le conoscenze attuali…o le credenze e convinzioni di massa?!?

Crediamo davvero di conoscere la verità?

Quante convinzioni o credenze della scienza si sono trasformati in veri abbagli? Basti pensare (tanto per fare un esempio) che ci sono voluti 250 anni per accettare che la Terra non fosse piatta.

La conoscenza si evolve… ma quando saremo pronti ad accettare le nuove scoperte sopratutto se ciò debba essere in contrasto con quello che crediamo di conoscere con certezza? (E te lo dice un ricercatore con “basi scientifiche”).

Quante limitazioni abbiamo ad esempio nel settore medico (che consideriamo scienza)… eppure vi sono tantissimi casi di guarigioni inspiegabili (secondo la medicina)… 

Eppure se esistono dei contro esempi di guarigioni… non abbiamo mai pensato che forse la verità od il tipo di approccio possa essere un’altro? Già è vero, ma tanto noi sappiamo tutto… ;-)

E che dire delle religioni? Vi sono più di 250 religioni sul pianeta… quasi come se ognuno si costruisse il proprio Dio in casa… non ti sembra strano? (E te lo dice uno che crede in Dio).

La maggior parte delle religioni sono create dagli uomini con i loro limiti ed i loro schemi… il rapporto Uomo-Dio è ben altra cosa… privo di tanti fardelli o schemi assurdi. Quante credenze umane hanno portato al fanatismo od ai tanti errori od episodi terribili passati piuttosto grossolani, legati ai limiti ed ai desideri inconsci degli uomini?

Ci troviamo in un binomio fra apparenza e realtà.

Crediamo di conoscere davvero le leggi che regolano il mondo?

Molte convinzioni e le conoscenze, le ereditiamo dal passato sulla base di informazioni non complete che a loro volta potrebbero essere sbagliate… (ne parlerò più dettagliatamente in altri articoli).

La fisica ci dice che i nostri sensi conosciuti… non ci permettono di percepire più dell’1% della realtà!

Eppure abbiamo la pretesa di conoscere il mondo che ci circonda e la pienezza della realtà… sulla base dei nostri sensi o di ciò che percepiamo!

Credo che in verità… sappiamo davvero molto poco di quale sia la VERITA’… o su quale sia la nostra vera natura …

Da dove veniamo?

Dove andremo?

Molti misteri sono tuttora inpiegabili in questo mix fra apparenza e realtà di quello che percepiamo!

Per capire l’evidenza della nostra poca conoscenza o chiarezza di idee… basta fare queste domande a persone di vario tipo… e non stupirsi del fatto che non otterrai una risposta univoca… ma piuttosto le più svariate e bizzarre! Buffo davvero, non credi? … Soprattutto su tematiche importanti…

E per buttarla sulla provocazione… se tu scoprissi che molti aspetti di quello che siamo abituati a credere non corrispondessero a quello che credi o conosci? E se tu per assurdo avessi le prove di questo…

le tue convinzioni o credenze rimarrebbero le stesse?

Una cosa è certa: la VERA realtà è una sola! Quale essa sia veramente non lo sappiamo ancora. :-)

Nessuno credo possa avere la presunzione di affermare il contrario.

Un abbraccio,

Giulio

Tags: , , , , , , ,

? Cosa tira fuori il meglio di te?

Convinzioni, Motivazione 2 Comments »

Ciao,

l’altra sera ero a vedere il concerto di Burt Bacharach (un omino arzillo e fenomenale di 81 anni)…

e mentre ascoltavo quella musica in quell’atmosfera magica, mi sono accorto che le mie sensazioni interne stavano cambiando in meglio. Non so come spiegarlo… mi sentivo talmente bene che non contava nulla di cosa accadeva attorno a me….

mi sentivo come se quella musica stesse tirando fuori il meglio di me! :mrgreen:

Ed a te caro amico od amica…

 

Cosa riesce a tirar fuori il meglio di Te?

 

Forse qualcosa che riesce ad evocare delle belle sensazioni sulle tue capacità o qualità, forse qualcosa che ti faccia credere nella realizzazione dei tuoi sogni indipentemente da tutto o forse un semplice stato d’animo legato ad uno dei tuoi sensi che ti sta emozionando o forse una magica alchimia evocativa per il tuo subconscio mettendo da parte la parte razionale e che ti spinge a dare il meglio di te?

Oppure che altro? Raccontami… l’hai mai sperimentato?

Forse nel mio caso, sentendo quel genere di musica (in cui mi riconosco), è emerso in quel momento nella mia anima, il desiderio sopito di scrivere colonne sonore da film…

non so… è davvero difficile da spiegare a parole… è una sensazione come di poter camminare sopra un filo. Riuscire a dare il meglio di te indipendentemente da tutto.

E’ come quando un giorno ti senti bene e dai il meglio di te ed invece in un altro momento vi è qualcosa di diverso… lo senti.

Ed allora mi chiedo, se stai bene per quello che sei, indipendentemente dai fattori esterni, dovrebbe accedere sempre di sentirsi al meglio… non credi? ;-)

Ed allora cosa fa scatenare quell’alchimia magica in TE di cui ti parlavo?

Mentre sto riprovando le emozioni di quella sera… e mentre sto scrivendo nelle ore di questa notte…

caro amico od amica…

ti chiedo:

Cosa ti fa realmente credere nei sogni?

 

Credere nei TUOI sogni… sopiti o dentro a quel cassetto… nella tua parte più profonda di TE…

Buona notte,

Giulio

Tags: ,

* Comunichi senza cambiare il tuo stato emotivo?

Comunicazione, Psicologia dei Comportamenti No Comments »

Ciao,

voglio porti una domanda:

sei una persona che di solito comunica senza cambiare il suo stato emotivo?

Potrà sembrare un domanda banale, ma vorrei che tu ci rifletta realmente con calma… prenditi tutto il tempo necessario e ripensa a qualche occasione passata…

Comunicare con integrità è fondamentale nei rapporti sociali o nelle relazioni instaurate affinché queste risultino più vere… senza contare che allo stesso tempo anche noi stessi, saremo percepiti per quello che siamo realmente… senza tante maschere inutili.

Nell’articolo precedente avevamo anche parlato del fatto che apprezzare se stessi o se stesse (con i propri difetti e qualità), è importante per essere meno influenzabili dai giudizi e dai fattori esterni dovuti alle altre persone… anche se non è sempre facile, lo so.

Allora capovolgendo la domanda…

può un cambiamento del tuo stato emotivo alterare il modo in cui comunichi con gli altri?

Ovvero, se da uno stato di tranquillità emotiva, passi ad uno stato di agitazione… questo influisce anche su come ti relazioni agli altri in quel preciso momento? In pratica continui a mantenere una comunicazione integra senza alterazioni?

Forse riflettendo su quanto letto, avrai capito che questi due aspetti: comunicazione e stato emotivo… inevitabilmente, sono strettamente collegati. La società di oggi è piena di esempi… basta osservare con attenzione la realtà quotidiana. :-(

Spesso avviene anche il contrario… alteriamo noi la nostra comunicazione (anche non verbale) per evitare (o per paura) di alterare il nostro stato emotivo in un modo a noi poco graditodovuto ad un qualcosa od un valore per noi importante che tocca le nostre corde emotive.

 

Per farti capire meglio, voglio farti un semplice esempio legato ad un episodio di diversi anni fa … che a posteriori mi ha fatto riflettere molto … si tratta ovviamente solo di un esempio.

Passavo sempre da un semaforo per tornare a casa e vi era un lavavetri molto insistente, che nonostante il mio dissenso gestuale con la mano, iniziava comunque a lavare ed imbrattare i vetri della mia auto.

Non che abbia nulla contro i lavavetri (e ci mancherebbe)… :-)

era solo il comportamento di quel ragazzo che mi faceva arrabbiare alterando il mio stato emotivo…

Cosa accadeva infatti le volte successive che dovevo passare da quel semaforo?

Per non destare l’attenzione, fingevo di guardare da un’altra parte, facevo finta di avere avuto una giornataccia rimanendo imbronciato… mi agitavo nei peggiori gesti per evitare di farmi imbrattare i vetri, ma non serviva a nulla! :-)

Ammetto che la cosa mi dava molto fastidio! :oops:

Dopo un po’ di tempo ho capito che in realtà, l’alterazione del mio stato emotivo non era dovuta tanto alla persona specifica (per quanto insolente potesse essere)… ma al fatto che la gentilezza ed il rispetto, sono valori importanti per me!

In pratica, il mio stato emotivo si alterava a causa del fatto che inconsciamente quei due valori non erano tenuti in considerazione, e ciò era come se non fosse tenuta in considerazione una parte di me (con cui mi identificavo)!

Sembrerà eccessivo quanto detto, ma una volta capito questo concetto… risulterà più facile capire che una connessione profonda con una persona, avviene proprio se si ha maggiore convergenza di elementi e valori al livello con cui le persone identificano se stesse.

Dopo qualche anno riflettendoci, ho capito quanto fosse importante esprimere con chiarezza i nostri intenti quando sentiamo di doverlo fare… in quanto ho notato che comunicando con integrità, il proprio stato emotivo… viene molto meno alterato, perchè è un po’ come se il nostro subconscio o quella parte più profonda di noi, fosse in pace con se stessa per quello che ha comunicato con verità e sincerità!

Viceversa se non esprimiamo quello che sentiamo realmente, il nostro stato emotivo ne risentirà maggiormente.

Ti consiglio  di sperimentare. ;-)

Per tornare all’esempio del lavavetri (è solo un esempio ovviamente)… un buon caso di comunicazione integra potrebbe essere:  ”Ciao potresti darmi una pulita al vetro?” (questo nel caso tu lo desideri… altrimenti nel caso tu non lo voglia)… ”Ciao, oggi non desidero lavare i vetri“… e nel caso di sua insistenza… ”Mi spiace tanto, anche se lo fai, non ho monete per pagarti.“… senza tanti giri di parole od alterazioni del proprio stato! :-)

Questa sincerità mista ad educazione e rispetto altrui, ti accorgerai che alla lunga verrà apprezzata… anche se spesso la comunicazione è legata in genere anche alle aspettative che una persona ha riguardo ad un’altra.

Abbiamo fatto questo esempio, ma puoi trovare tanti esempi più importanti osservando la realtà quotidiana, nella comunicazione fra persone… ti consiglio di osservare…

ovvero fin che rimaniamo ad un livello superficiale nella comunicazione con un’altra persona (e non è detto che sia solo verbale), non ci sono problemi…

il punto cruciale è quando arriviamo a toccare dei livelli che toccano i valori con cui si identifica l’altra persona: se questi sono in disaccordo, avviene un conflitto!

Se invece vi è un disaccordo ad un livello superficiale di comunicazione (ad es. sul tempo che farà domani), in genere le persone non si sentono coinvolte più di tanto.

Questo concetto viene spiegato molto bene con semplici concetti di base, nell’interessante DVD “Comunicazione: il Segreto per Creare Relazioni di Successo”.

Ti invito ancora a riflettere e trovare una tua risposta alla domanda iniziale. :-)

Un abbraccio,

Giulio

Tags: , ,

! Lasciare andare le preoccupazioni

Convinzioni, Psicologia Benessere No Comments »

Ciao,

come ti sentiresti o ti immagineresti se tu potessi lasciare andare le preoccupazioni, l’ansia e lo stress?

Come cambierebbero concretamente i tuoi comportamenti e la tua vita senza stress e tensioni?

Pensaci bene…

come cambierebbe davvero il tuo modo di affrontare le cose senza preoccuparsi del risultato o del giudizio degli altri?

Eppure fra i vari fattori scatenanti, la maggior causa di ansia, tensione o stress è dovuta alle preoccupazioni che ci derivano dal modo in cui ci rapportiamo con gli altri. :-(

Ti suona strano che il giudizio degli altri sia una causa di stress?

La maggior parte delle convinzioni limitanti che creano stress, sono state create dall’uomo… con i suoi schemi limitanti, le sue gerarchie sociali, con il suo dare importanza alle cose NON IMPORTANTI (scadenze, corse affannose inutili), ecc.

Una persona che ha un certo potere su un’altra (ad esempio un capo su un proprio dipendente), una persona che cerca di invadere o manipolare i confini emotivi di qualcuno (relazioni sentimentali o comunicazioni non integre), convinzioni limitanti riguardo se stessi (non sentirsi adeguati od all’altezza), e così via… potremmo continuare con gli esempi… :-(

Eppure la vera libertà, dipende da te e solo da te! :mrgreen:

In pratica… FREGATENE del giudizio degli altri! :-D

Certo questo non deve significare arroganza… a volte certi pareri o consigli, possono comunque essere dei feedback positivi ed utili… sto parlando di valutare bene la differenza fra un giudizio che possa diventare limitante per te (del tipo “non ce la farai”, “non sei in grado”, “non vali”, ecc.) … ed un buon consiglio in buona fede. :-)

Se riesci ad apprezzare te stesso con i tuoi limiti e con le tue qualità… si accresce notevolmente la tua autostima per quello che sei!

Credi che allora sarai così facilmente condizionabile dai fattori o comportamenti esterni delle altre persone o dal loro giudizio?

Ti lascio riflettere davvero su questo…

Se apprezzi te stesso, riesci ad apprezzare ad un livello più profondo gli altri… ed il tuo potere emotivo o la tua energia riuscirà comunque ad esprimere amore ed armonia indipendentemente dal resto.

Sei convinto di questo? Non è un passo facile … ovvio… soprattutto se ti sei abituato per anni a non credere nel tuo valore.

TU… PROPRIO TU… SEI UNA PERSONA SPECIALE ED UNICA! :-)

Certo gli imprevisti che la vita può riservare sono molteplici,… verissimo…

ma qua stiamo parlando di essere in piena armonia con il proprio se, per quello che siamo realmente e quindi apprezzando se stessi … quasi a scoprire davvero quello che possiamo fare in modo straordinario… o come possono cambiare certe nostre convinzioni nell’affrontare certe sfide che possono apparirci in quel momento, insormontabili.

Per raggiungere questo obiettivo, occorre lavorare su se stessi seguendo il proprio percorso personale(ognuno indipendentemente da quello che ti vorranno far credere, deve seguire una sua strada personale secondo i suoi tempi. modi o ritmi)…

è possibile comunque cercare di fare dei passi per accelerare questo processo, lavorando sul proprio subconscio!

Le sensazioni che ho sperimentato e che ho notato dopo un periodo di ascolto del CD audio “Lasciare Andare” del Dott. Roy Martina le potrei definire come un:

  • maggiore apprezzamento di me stesso per quello che sono (con i miei limiti e qualità);
  • maggiore libertà dal giudizio altrui;
  • maggiore convinzione di essere in grado ed all’altezza;
  • non sentire obbligo di essere perfetto (nessuno lo è… semplicemente è sufficiente fare il possibile).

Non so se queste senzazioni che ho provato sono dovute solo all’ascolto di questo CD od anche ad altre cose sperimentate nel mio percorso personale (tanto è vero che dopo diversi giorni di ascolto, non avevo sperimentato nessuna sensazione particolare)…

poi però, col passare dei giorni, mi sono invece reso conto che provavo in modo accentuato delle sensazioni benefiche (quasi come un senso di libertà), simili alle sensazioni che ti ho elencato sopra … e ti invito a fidarti di quanto ti sto testimoniando. ;-)

E’ anche vero che te, potrai sperimentare altre sensazioni… probabilmente le “più giuste” per il tuo “io” e per quel tuo momento della tua vita…

(ad ogni modo sensazioni sempre strettamente legate al lasciare andare le preoccupazioni, i dispiaceri, lo stress e le tensioni).

Come tutti i CD della serie Roy Martina Experience, hanno una caratteristica straordinaria… ovvero quella di poterli ascoltare anche quando dormi!

Ti sembra così strano? 8O

Forse non sai che il tuo subconscio (o quella parte più profonda di te), è sempre vigile… e guarda caso, è proprio anche la parte responsabile delle tue funzioni vitali!

Non mi dire che il tuo cuore batte continuamente, perchè TU ci stai pensando,… magari anche quando dormi…?!? ;-)

Mi auguro che questo mio consiglio, possa darti un buon aiuto nel cercare di limitare gli effetti di ansia, stress e tensione … e “non solo” … (che a dirla tutta, dopo quanto hai letto)… forse quel “non solo”, sarebbe in realtà il cambiamento più importante.

Non credi?

Buona notte,

Giulio

Tags: , , , ,
Designed by NattyWP Wordpress Themes.
Images by desEXign.