* Come rendere efficaci le slides di una presentazione

Comunicazione 2 Comments »

Ciao,

ti sarà capitato talvolta di assistere a presentazioni noiose o di fare delle presentazioni in pubblico ed accorgerti che le persone che ascoltavano erano alquanto distratte…

Oltre all’importanza di imparare a parlare in pubblico tenendo viva l’attenzione (di cui abbiamo parlato in un precedente articolo “L’arte di parlare in pubblico”), sono molto importanti anche i lucidi o le slides di una presentazione.

Efficaci lucidi o slides di una presentazione possono fare la differenza

Oggi voglio darti alcune “dritte” che ho sperimentato ed affinato nel corso degli anni, per rendere molto più efficaci i lucidi o le slides di una presentazione: ;-)

1) Non leggere quello che è scritto sulle slides: oltre al fatto che leggere durante la tua esposizione abbassa molto l’efficacia  ed il coinvolgimento della comunicazione, le slides devo essere parte integrante a quello che dici! Il punto 2) successivo, ti aiuterà ad evitare questo inconveniente.

2) Evita di inserire molto testo nelle slides: Molte scritte o frasi lunghe, non sono affatto immediate e ogni persona del pubblico, non è in grado di leggere quando scritto sulle slides ed ascoltare contemporaneamente. Scrivere lunghe frasi nei lucidi o nelle slides di una presentazione, ha efficacia pari a zero!

Oltretutto vi sono persone che sono prevalementemente auditive (nel senso che ovviamente pur avendo tutti i canali sensoriali sviluppati, prediligono l’ascolto) e quindi è possibile che cerchino di leggere il testo, ma sono disturbati dalla voce dell’oratore in sottofondo. Ciò accade meno nei visivi, che (ragionando per immagini), hanno meno problemi a leggere o studiare, anche se fuori dalla finestra proviene il rumore di un martello pneumatico in sottofondo! :-)

3) Al posto di lunghe frasi, usa piuttosto schemi a punti o gli elenchi: il cervello lavora per associazioni e per schemi in modo da catalogare più facilmente le informazioni essenziali. Pertanto quando devi dare più concetti, usa gli elenchi o le liste.

ATTENZIONE: i punti di un elenco devono essere davvero pochi (al max 4 o 5) ed il testo di un punto elenco,  non deve superare una riga.

Il testo per essere efficace è più leggibile in orizzontale piuttosto che in verticale (solo se la larghezza della frase non supera la riga… se è più breve è meglio)!

Tenendo infatti fermo lo sguardo in un punto, le parole a fuoco sono limitate ed il campo visivo recepisce meglio ciò che tiene a fuoco.

In tal caso, se proprio devi usare una frase più lunga di una riga (te lo sconsiglio), dividila in due parti con un ritorno a capo appropriato, in modo da favorire la lettura verticale (mantenendo tutto il testo a fuoco).

4) Usa molto i disegni e le immagini: a meno che una persona sia non vedente (in quel caso è importante l’efficacia della voce e del modo di parlare e spiegare dell’oratore), le immagini arrivano subito  come concetto all’emisfero cosciente del cervello.

Semplici diagrammi e schemi grafici sono molto apprezzati.

Lo ribadisco: meno scritte ci sono, meglio è!

Per rendere efficaci le slides di una presentazione, occorre la sintesi!

5) Usa i colori: Ricordi quando eri bambino o bambina che ti divertivi con i pennarelli?  Non è un caso! Per il testo di solito usa il rosso (non troppo acceso) od il blu. Il rosso è il primo colore che viene percepito (ad  es: se vuoi metterti in evidenza in una folla, vestiti con qualcosa di rosso!). :-)

6) Usa un buon contrasto fra il colore del testo e lo sfondo: vi sono dei tool per calcolare il corretto contrasto, ma per andare sul sicuro, usa colori scuri per il testo (nero, rosso, blu) e colori MOLTO CHIARI per lo sfondo (bianco, giallo MOLTO CHIARO e poco accesso, rosa MOLTO CHIARO, arancione MOLTO chiaro, ecc.).

7) Evidenzia le parole chiave od i concetti importanti: è ottimo all’interno di una frase  enfatizzare le parole chiave in modo da far capire subito il concetto ad una prima occhiata (è molto più efficace del dover leggere l’intera frase).

Il cervello percepisce subito le parole chiave ed è in grado di comprendere ed estrapolare i concetti associati: fra l’altro questo è anche uno dei principi della lettura veloce.

Puoi enfatizzare le parole chiave, usando il grassetto, l’italico (o corsivo), una dimensione dei font maggiore, o l’effetto evidenziatore (cerca di usare il giallo). Evidenzia SOLO le parole chiave all’interno di una frase, possibilmente evitando di includervi anche le preposizioni (ad es: e, o, oppure, di, tra, fra, ecc.).

Per concetti molto importanti, incornicia una frase con un bordo colorato (rosso,  blu o nero) ed uno sfondo MOLTO CHIARO (giallo, rosa, arancione, celestino, verdino, ecc.)

Le dimensioni del carattere/font di ogni parte di testo, devono essere sufficientemente leggibili anche da lontano (anche se usi un proiettore, evita di usare font in cui serve il binocolo per leggere). :-)

8 ) Usa il buon senso per le animazioni: in genere gli effetti speciali tipo transizioni, o movimenti del testo tendono a distrarre. Le animazioni possono essere utili per animare i disegni, laddove un’animazione risulti molto più efficace di molte parole “arzigogolate” per spiegare lo stesso concetto.

9) Usa la prima slide per il titolo/autore ed una slide per un breve sommario: Il titolo deve essere BREVE ed efficace per far capire subito di cosa parlerai, mentre la slide per il sommario (od indice), sembrerà banale, predisporrà il cervello di ogni persona del tuo pubblico ad un migliore orientamento e schematizzazione dei contenuti.

E’ importante che ogni slide abbia un breve titolo possibilmente corrispondente a ciascuno punto del sommario.

Eventualmente se per quell’argomento servono più lucidi, usa la notazione numero_lucido_argomento/totale_lucidi_argomento (ad esempio “Benefici della meditazione (1/2)”).

Numera ogni lucido in ordine progressivo.

10) Mettiti nei panni dello spettatore: Quando hai finito di realizzare le slides, chiedi a te stesso: “Se io fossi uno spettatore che non sa nulla della materia, capirei ad una prima occhiata?” Oppure come spettatore sono costretto a leggere tutto a fatica?

Fidati: puoi fare molto meglio semplificando ulteriormente le slides, togliendo cose inutili e ridondanti! ;-)

Per non appesantire, mi limito a questi consigli di base: spero che ti siano di aiuto! Fammi sapere che benefici ti hanno apportato nelle tue presentazioni.

Purtroppo certe informazioni non le insegnano a scuola: fin da bambini si predilige dare peso esclusivamente ai contenuti (i bambini si abituano a ripetere a pappagallo quanto dice la maestra), dando poco spazio al fatto che il cervello apprende tantissimo usando soprattutto l’aspetto creativo. :-(

Se qualcuno desidera approfondire, basta chiedere e darò altri consigli più avanzati sul tema, magari in un altro articolo. ;-)

Un abbraccio e buona giornata,

Giulio

Tags: ,

@ Proteggi il sogno

Convinzioni No Comments »

Ciao,

quante volte spesso capita che una persona si trovi a fare cose che non gli piacciono e spesso si adatta a farle per paura di non riuscire a raggiungere ciò che invece vuole o perchè si fa condizionare dal giudizio avverso delle persone, fino a farsi scoraggiare?

Perchè non crederci fino in fondo allora?

Se credi fortemente in qualcosa, proteggi il sogno!

A proposito del giudizio degli altri,… vi è una bellissima frase in una scena del film “Alla ricerca della felicità” in cui Willy Smith interpreta la parte di un padre che dice al proprio figlio: “Non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa”“Se hai un sogno tu lo devi proteggere”.

Le persone che credono fortemente in ciò che credono, prendono decisioni velocemente e cambiano lentamente le loro convinzioni, a differenza di coloro che non credono nei loro sogni, che prendono decisioni lentamente (rimandando continuamente per aspettare il momento perfetto che non arriverà mai) e spesso di fronte agli ostacoli cambiano continuamente i loro obiettivi.

Un sogno lo devi proteggere e difendere, perchè rappresenta la parte più vera e profonda di TE.

In questa notte in cui mi trovo a scrivere queste parole a Raleigh nella North Carolina, voglio chiederti:

Come ti farebbe sentire, non dare ascolto alla parte più profonda e vera di TE, facendo ciò che non vuoi? :-(

Appagato e completo?

Come ti sentiresti invece se tu ottenessi ciò che vuoi e ciò che hai sempre desiderato? ;-)

Segui i tuoi sogni… SEMPRE!

Una buonanotte dagli Stati Uniti,

Giulio

Tags:
Designed by NattyWP Wordpress Themes.
Images by desEXign.