~ La realtà sensibile (parte 1)

Eventi dal Vivo, Spiritualità 4 Comments »

Ciao,

perchè molte persone sono attratte dalle capacità extrasensoriali (oltre i 5 sensi), mentre altre sono completamente scettiche? La risposta sta in larga parte, nelle credenze che si porta dietro ciascuna persona, e nel percorso che ha fatto fino a quel momento. Proprio in questo weekend ho preso parte al primo appuntamento (dei tre in programma) del corso “La realtà sensibile” tenuto dalla sensitiva Angela Albanese. Tale evento è organizzato dall’associazione “Casa Grande il Nespolo”.

Tu credi di avere le capacità di percepire la realtà sensibile?

 

Partiamo da un fatto:

tutti hanno più o meno sviluppate, le capacità di percepire la realtà sensibile, in base alla loro apertura dei canali extrasensoriali energetici (legata a fattori personali).

Talvolta serve anche scoprire tali capacità, educarle e direzionarle in una direzione piuttosto che un’altra.

Ho trovato sorprendenti ed interessanti una serie di esperimenti a cui domenica ci siamo sottoposti.

In questo primo weekend del corso “La realtà sensibile“, al sabato, vi è stata un analisi più teorica di alcuni concetti tratti da scritture antiche di varie culture, fra cui la cosmogonia (il mito della creazione), la morfologia dell’essere, la fisiologia sottile dell’essere e l’aura, postulati e leggi naturali universali, il sistema energetico, ecc.

La domenica invece è stata estremamente pratica, analizzando soltanto le capacità psichiche (o quello che viene anche detto sesto senso). Parleremo del settimo senso (la medianità vera e propria) nel successivo appuntamento.

Si deve tener conto sia delle capacità psichiche, sia medianiche, perchè

è molto importante distinguere i messaggi provenienti veramente dal mondo spirituale, dalle intuizioni personali che possono avvenire tramite la lettura del pensiero.

Sarà presto possibile scaricare una testimonianza audio, relativa a questo concetto da parte di Luisiana Furlanetto (sensitiva che ha frequentato per anni, in Inghilterra la Scuola di studi psichici e spirituali Arthur Findlay).

La realtà sensibile si estende a vari livelli.

Torniamo quindi alla domenica ed atteniamoci ai risultati degli esperimenti.

Al corso “La realtà sensibile“, eravamo 12 partecipanti di varie età. Fra i vari esercizi/esperimenti svolti, si deve distinguere:

  1. quelli per conoscere meglio se stessi;
  2. quelli per la percezione degli altri.

CATEGORIA ESPERIMENTI 1: Riguardo la prima categoria di esperimenti, sono stati fatti vari disegni, fra cui ad esempio colorare su un foglio le parti del corpo umano (come se fosse il proprio) ed un foglio con dei simboli… ed ogni partecipante ha trovato spunti scoprendo aspetti interessanti personali.

Ciascun colore usato o simbolo scelto, ha un significato preciso.

La cosa molto curiosa è stata che successivamente, ognuno ha pescato (pensando a se medesimo) una carta colorata in varie forme e sfumature (senza vederla) e la maggior parte delle persone ha pescato una carta con gli stessi colori usati per colorare le parti del corpo legate anche all’AURA (energia vitale che ci compenetra e ci circonda completamente, come nell’esempio della prima figura)!

Io ad esempio avevo colorato con gli stessi colori della carta pescata, anche l’esterno della sagoma umana nel foglio. 8O

Alcuni casi che avevano usato in larga maggioranza, praticamente un colore solo … hanno pescato clamorosamente una carta con quel solo colore! 8O

CATEGORIA ESPERIMENTI 2: Riguardo invece gli esperimenti della seconda categoria, sono stati fatti esercizi di lettura del pensiero e dell’imprinting energetico riguardo l’appartenenza di oggetti non personali.

Ogni partecipante infatti, ha portato un oggetto personale ed un oggetto di un’altra persona (entrambi tali oggetti sconosciuti e non visibili agli altri partecipanti), che sono stati divisi rispettivamente in due scatole separate.

Ciascuno ha preso un oggetto non suo, e tenendolo fra le mani…

 

doveva indovinare a chi appartenesse ed altre informazioni sull’oggetto.

Sorprendentemente in larga percentuale, (anche se non nel 100% dei casi), molti hanno indovinato l’appartenenza degli oggetti… fornendo anche qualsiasi altra informazione (storia, date, eventi o fatti passati, ecc.) che percepivano da ogni oggetto… e debbo dire che ci sono stati casi sorprendenti di vere e proprie coincidenze ! 8O

Soltanto coincidenza? 8O

Altri esperimenti sono stati la percezione dei cambiamenti sottili di un’altra persona, ad occhi chiusi. (Avendo fatto il corso sulle energie sottili, non sono stato sorpreso).

L’insegnamento più importante appreso durante gli sperimenti, è stato:

la prima sensazione è quella giusta… fidarsi di quella, evitando di razionalizzare!

 

Secondo le recenti scoperte di fisica quantistica, la cosa non è poi così soprendente…

Ti consiglio il video “Noi e l’Infinito” del fisico e ricercatore Vittorio Marchi, il quale dopo aver conosciuto l’ingegnere compagno di stanza e di studi di Enrico Fermi, alla Normale di Pisa, è stato infatti spettatore di fenomeni, che lo hanno reso responsabile della diffusione e della comunicazione extra-accademica, riguardo tali potenzialità umane.

Approfondiremo l’argomento e proseguiremo il discorso relativo al secondo appuntamento del corso “La realtà sensibile“: la medianità.

Buona serata,

Giulio

Tags:

! Il potere è dentro di TE!

Motivazione, Recensioni, Scoperta di se, Spiritualità No Comments »

Ciao,

quante volte parlando a se stessi o con persone ed amici che non riescono ad ottenere qualcosa o che non credono di poterlo ottenere, avrai sentito frasi del tipo “Non ce la farò mai!”, “Non sono in grado”, “Non lo merito”, ecc…

Ti è capitato?

Ognuno di noi ha dei talenti e capacità straordinarie, che spesso non conosciamo neppure, e se le scopriamo, questo spesso accade “per caso“: eppure il potere è dentro di te!

Il potere è dentro di TE, sta a te scoprirlo!

Vi è una bellissima leggenda Indù che spiega benissimo questo concetto, a proposito delle straordinarie capacità interiori dell’uomo (e della donna) riguardo la sua natura divina dimenticata.

Guardati questo video! ;-)

Quanto è attuale… vero? :-)

Per riempire la nostra parte interiore e quel senso di vuoto, ci affanniamo nell’acquistare cose a destra ed a manca, bramiamo a raggiungere gli stereotipi imposti dalla cultura sociale, crediamo che il prestigio  le posizioni sociali di rilievo od il giudizio lusinghiero delle altre persone possa appagare la nostra vera natura…

eppure spesso ci accorgiamo che non basta… perché?

Ci sono due bellissimi detti antichi che dicono:

La luna non potrà mai riflettersi sul tuo lago, se è increspato.

Da cui si capisce, che star bene con se stessi ha dei benefici anche per le altre persone:

Se non hai acqua nel tuo serbatoio, non potrai mai dare da bere agli altri.

 

Il potere è dentro di TE, cosa aspetti a tirarlo fuori?

Secondo il principio di unità totale dell’Universo (anche alla luce delle recenti scoperte della fisica quantistica), ciò che dentro, è fuori.

Quindi se qualcosa fuori non va come vorresti, è perché “dentro” va modificato qualcosa. :-)

Ed allora come scoprire e tirar fuori questo potere dentro di te?

Walt Disney diceva “Se puoi immaginarlo, puoi farlo“, perché tutto ciò che è stato realizzato, lo è stato precedentemente nei pensieri di qualcuno. Quindi premesso che tutto è possibile…

la cosa funziona ancora meglio per ciò che tu vuoi veramente (anche se ti sembra improbabile). ;-)

Tu cosa desideri davvero?

Cosa ti fa star bene?

Sapere già questo, è la chiave per trovare la spinta a scoprire il nostro potere interiore.

Quanti avrebbero dei sogni che desiderebbero realizzare, ben diversi dalla loro situazione attuale o da cosa stanno facendo … e che non hanno il coraggio di lasciare andare?

Spesso,

  • la PAURA di non riuscire
  • la PAURA di lasciare andare la situazione attuale (che magari non ci piace, ma che comunque ci da qualche sicurezza presente)
  • la PAURA di agire
  • la PAURA di uscire dalla propria zona di comfort
  • la PAURA creata dalla proprie credenze limitanti attuali

sono delle gabbie terribili che non fanno certo esprimere il vero potere interiore di una persona.

Se solo si ascoltasse di più e con fiducia la propria voce interiore che ci sta URLANDO, … le cose sarebbero ben diverse, e ci sarebbero persone più FELICI sul pianeta.

Per scoprire il potere dentro di TE:

OCCORRE AFFRONTARE LE PROPRIE PAURE ED ABBANDONARSI CON FIDUCIA ALLA PROPRIA VOCE INTERIORE!

A tal proposito, voglio consigliarti un libricino straordinario “Il gabbiano Jonathan Livingston” di Richard Bach.

È la storia di un gabbiano che abbandona i suoi simili per i quali volare non è che un goffo mezzo per procurarsi cibo, e impara ad ubbidire alla propria legge interiore.

Non cercare la felicità all’esterno, ascolta la tua voce interiore: quello è il potere dentro di TE!

Ed allora ogni volta che ti capiterà ancora di sentire le frasi iniziali poco motivanti, rispondi: “Che cosa vuoi davvero? Che cosa ti impedisce di ottenerlo? Hai delle capacità straordinarie: il potere è dentro di te!“.

So che non ti capiterà mai… ;-)

ovviamente nel caso ti scoprissi a dirti delle frasi poco motivanti su te stesso o te stessa, riguardo il mancato raggiungimento di qualcosa…

fatti sempre delle domande se “è quello che veramente vuoi” e su “come potresti trovare delle soluzioni per ottenere quella cosa“…

e soprattutto di a te stesso ed a te stessa, SOLO COSE CHE TI FANNO STAR BENE!

TE LO MERITI! ;-)

Buona giornata,

Giulio

Tags:

* I segni del destino: miracoli od altro?

Ignoto, Spiritualità 2 Comments »

Buona sera,

spesso eventi non spiegabili o strane coincidenze accadono nelle vite di molte persone. Talvolta tali coincidenze, capitano una sola volta (in maniera lampante) nella vita o talvolta si ripetono nel corso degli anni o mesi. Talvolta accade anche che tali ”coincidenze” sono accompagnate da molti segnali impercettibili che si manifestono nella nostra realtà fisica dei cinque sensi in varie forme:

sono quelli che Gian Marco Bragadin chiama i segni del destino.

Si tratta di miracoli, di fortuna od altro?

Per farti riflettere… voglio mostrarti questo filmato “La chance” (indicatomi da un mio collega)… 8O

I segni del destino vogliono darci un messaggio

Tale filmato, è concatenato con altri della stessa serie… peccato che la qualità non è proprio la migliore.

Secondo la legge di attrazione (di cui affronteremo ampiamente in altri articoli sotto vari aspetti scientifici e spirituali) e secondo le nuove scoperte fuori dall’ordinario della fisica quantistica, ci attiriamo gli eventi della nostra vita in base ai nostri pensieri ed alle vibrazioni energetiche emanate… quindi stando a questa ipotesi attiriamo tutto ciò che ci accade.

Se non hai mai sentito parlare di legge dell’attrazione e di fisica quantistica… capisco che è un po’ dura da digerire. :-)

Considero predominante la nostra responsabilità di creare la propria vita, non tanto per la legge dell’attrazione (che la ritengo realmente possibile), quanto per la capacità di uscire fuori dalla zona di comfort, dove ci arricchiamo e ci evolviamo concretamente come persone attraverso nuove conoscenze ed esperienze…

… ed è proprio lì che possiamo davvero realizzare i nostri sogni.

Ed allora ti chiederai: se siamo i responsabili della nostra realtà, cosa ci combinano i segni del destino? :-?

I segni del destino si ripetono e vogliono dirci qualcosa

Ho trovato interessante il punto di vista di Gian Marco Bragadin nel libro “I segni del destino” per scoprire il significato di cosa accade nella vita di una persona, ed ho trovato molto interessante anche il successivo lavoro con libro e DVD “Segnianalisi – Come Interpretare Segni e Coincidenze”, in cui l’autore parla per esperienza, del fatto di scrivere giornalmente su un diario gli episodi che ci accadono.

Scrivere cosa ci accade (anche se può non avere un senso), è importante, in quanto, dopo un po’ di tempo rileggendo tutti gli episodi e gli eventi scritti, è molto probabile che ci possiamo trovare un legame fra loro. Tale legame è il messaggio che dobbiamo capire. Senza la scrittura e confronto di tali segni, è difficile estrapolare un collegamento più profondo e non apparente. Spesso certi segni si ripetono e sono talmente insistenti, ma noi non li prendiamo neppure in considerazione o non li diamo peso. In questi segni continui è possibile che vi sia qualcosa riguardo una nostra situazione di vita.

Quindi allora, dobbiamo affidarci ad i segni del destino od il destino lo creiamo noi?

La duailità di questa domanda è molto pericolosa a mio giudizio, in quanto la prima è una posizione più passiva in attesa che ci affidiamo a qualcosa, mentre la seconda è molto più attiva e ben consapevole di voler arrivare a ciò che desideriamo realmente.

La mia ovviamente è una opinione personale, però basata sull’esperienza di essere passato da una vita passiva in attesa (nei primi 30 anni di vita) ad una più consapevole delle mie capacità e dei veri desideri (fidandosi ed ascoltando la propria voce interiore, andando oltre le personali paure).

Ognuno faccia naturalmente cosa sente… e ci mancherebbe.

A mio parere è possibile anche dare credito ad entrambe le posizioni:

ovvero, facciamo il possibile per essere gli artefici convinti della nostra vita fuori dalla zona di confort alla scoperta delle nostre vere capacità sopite, ed ogni tanto, magari cerchiamo di capire cosa vuole dirci quella particolare situazione di vita.

Ognuno faccia il proprio gioco. ;-)

Ciao, buona serata,

Giulio

Tags:

§ L’importanza del perdono

Psicologia Benessere, Spiritualità 6 Comments »

Ciao,

quanto è difficile perdonare qualcuno che ci ha fatto un torto anche pesante o drammatico (tipo famiglie a cui è stato ucciso un figlio)? Quale è l’importanza del perdono e quale impatto può avere su una persona?

Le religioni (ed in particolare la religione Cristiana) dicono di perdonare, ed è una cosa bellissima. Molto spesso cosa accade? Ciò è un atto legato al concetto di penitenza od alla punizione divina … e quindi  per avere valore, deve essere un sentimento REALMENTE sentito, altrimenti non serve a molto a livello di pulizia… e si sa per forza, non si fa nemmeno l’aceto. :-)

Figuriamoci una cosa fondamentale e delicata come il perdono.

L’importanza del perdono è basilare per la pulizia di una persona.

Quanti dicono a parole di aver perdonato qualcuno o qualcuna, ma poi sono ancora pieni di rancore, di rabbia ed altri sentimenti negativi? Ed allora perchè è importante perdonare eliminando gli strascichi?

Proprio nell’ultimo articolo abbiamo parlato dell’importanza di fare pulizia e del mettere a posto il proprio ambiente e che impatto possa avere sul proprio ordine mentale…

Bene, il passo successivo (anche se andrebbe fatto per primo) ed anche il più difficile, è fare pulizia di noi stessi!

Ovviamente non mi riferisco solo a livello di igiene personale, ma a livello emozionale! :-D

perdono-hooponopono_mantra

Un semplice mantra (ma molto POTENTE) che prende spunto da una pratica hawaina Hoponopono (ho’oponopono) di perdono, recita così:

Ti amo

Mi dispiace

Perdonami

Grazie

Puoi ripetere queste parole ad esempio pensando di avere davanti la persona che ti ha fatto un torto o ti ha fatto qualcosa che continua a toccarti dal punto di vista emotivo… ovviamente capirai, che se vi sono ancora dei legami irrisolti o non hai ancora perdonato quella persona, è chiaro che farai fatica a pensare certe cose… ebbene non dermordere… ripeti la procedura almeno una o due volte al giorno per un mese… e vedrai accadere dei cambiamenti incredibili! ;-)

Comincerai a capire l’importanza del perdono e della differenza fra accettare e perdonare… fino a che ti verrà naturale sempre più al passare del tempo… anche se all’inizio non è facile. :-)

Può sembrare tutto banale, ma se anzichè pensare questo mantra hoponopono, tu lo dicessi realmente ad una persona che devi ancora perdonare… ci riusciresti? ;-)

Magari se non riesci a perdonare il comportamento (che risulta a te inaccettabile al momento), inizia perdonando soltanto la persona (dissociata da quello che ha fatto).

L’importanza del perdono, è basilare per la salute di una persona!

Nell’audiocorso “Alla Scoperta dei tuoi Poteri Straordinari”, proporrò un semplice esercizio che ti dimostrerà come il perdono, ha una grossa importanza ed influenza sulla salute di una persona.

Ti lascio per ora con questa riflessione:

Come può esserci salute in una persona che non è pulita dal punto di vista emozionale?

Forse non lo sai, ma secondo le ultime scoperte, le emozioni sono immagazzinate a livello cellulare… e quindi immaginati che impatto possano avere: rabbia, rancore, invidia, ecc. :-(

E proprio per questo vi sono casi di guarigioni apparentemente miracolose, avvenute NON QUANTO LA PERSONA HA ACCETTATO UN FATTO EMOTIVO, MA QUANDO HA PERDONATO LE PERSONE COINVOLTE DAL PUNTO DI VISTA EMOTIVO!

Ciò è una differenza fondamentale!

Buona giornata,

Giulio

Tags: ,

! Guardare oltre le apparenze! (parte 3)

Convinzioni, Recensioni, Spiritualità No Comments »

Ciao,

se ricordi, avevamo parlato nella parte 2 di Guardare oltre le apparenze, che i bambini nella loro purezza non hanno tutte le zavorre che acquisiamo mentre cresciamo.

Guardare oltre le apparenze è un passo per tornare bambini!

Per farti capire il concetto, se osservi la figura sopra, il cerchio esterno (blu scuro) è lo spazio espanso della nostra essenza vitale di quando siamo bambini, mentre il cerchio interno (celeste) più piccolo è quello che otteniamo quando diventiamo adulti! :-(

Una bella differenza, non c’è che dire!

Eppure molte guarigioni impensabili per la medicina o per la scienza, avvengono proprio quando un adulto, riesce a perdonare o risolvere conflitti del bambino che è in lui … e che è in ognuno di noi!

 

All’esterno dello spazio della nostra essenza vitale, vi è quella zona atemporale che gli antichi chiamavano zona divina o Regno dei Cieli. Da qui, a causa di questo venir meno dell’espansione spontanea verso l’infinito o verso gli altri, … capirai “probabilmente” in maniera più chiara, (senza ovviamente voler turbare le tue credenze più o meno religiose… e ci mancherebbe), … la frase dei Vangeli: “Se non diventerete come bambini, non entrerete nel regno dei cieli” .

Allora a questo punto, c’è qualcosa che non torna … 8O

Gli adulti sono i bambini che diventano grandi ed invece lo spazio dell’essenza vitale di un adulto è ridotto… come mai? :-?

Semplice… man mano che cresciamo … il nostro spazio di essenza vitale “pura”, si riduce a causa di tutti i condizionamenti, le convinzioni, i giudizi, ecc., e

da grandi perdiamo la spontaneità originaria e quella capacità di guardare oltre le apparenze dei fattori esterni!

Il primo pezzo della nostra spontaneità che perdiamo, è proprio quando domandiamo qualcosa ad un adulto fino a metterlo in crisi (ad esempio: “Babbo perchè continui a fare quel lavoro, se non ti piace?”)… ed il genitore od adulto, spesso non vuole rispondere od in alcuni casi non sa rispondere; di conseguenza, il bambino percepisce la sofferenza dell’adulto e non ripeterà più quella domanda per non generargli ulteriore sofferenza…

da qui si originerà un primo condizionamento emotivo nel bambino.

Successivamente quello che viene detto od insegnato dai genitori o parenti (secondo le loro credenze, convinzioni e paure), nei primi 6 o 7 anni di vita del bambino, faranno il resto.

Anche le personali esperienze di vita vissute del bambino crescendo, assieme ai condizionamenti culturali e sociali, cominceranno a togliere pezzi all’essenza vitale del bambino, riducendone notevolmente il suo spazio e la sua VERA essenza spontanea.

Persino la scuola risulterà un’esperienza terribile… perchè il bambino si aspetterà di poter fare tante domande per imparare molto a causa della sua curiosità, ed invece le domande le farà l’insegnante sulle cose che lei o lui sa e pretende … e che spesso non sono granché. :-(

Da qui la figura sotto illustrante l’essenza finale ridotta del bambino man mano che diventa adulto, circondata da un groviglio di condizionamenti, preoccupazioni e paure, da cui poi l’adulto stesso, trova difficoltà ad uscire. :-(

Alla fine, la vita di un adulto non riesce a decollare in quanto egli non riesce più ad uscire da quella boscaglia di credenze limitanti che lo circondano … a meno che … non riesca realmente ad abbattere le sue credenze e convinzioni … o per qualche motivo, … riesca a seguire la via (ricca di perfette sincronicità: al posto giusto ed al momento giusto) che il suo Angelo vorrà indicarli (il percorso in rosso nella figura sopra).

Forse quest’ultima affermazione potrà sembrarti ovviamente bizzarra…

vero … ;-)

ed a tal proposito, voglio consigliarti un interessante video (+ libro) di Igor Sibaldi“Istruzioni per gli Angeli” (di circa 2 ore), in cui vengono dati dei consigli pratici interessanti. Molto bello e da sperimentare, è il metodo dei 101 desideri, per cominciare ad intraprendere il proprio cammino evolutivo e pratico alla scoperta di se stessi ed alla scoperta e realizzazione dei propri desideri, le proprie aspettative od i propri sogni dell’infanzia.

Ti accorgerai, che questi 101 desideri non saranno affatto banali e se ti applicherai davvero, tireranno fuori molti aspetti profondi di te!

 

Prima di concludere, voglio lasciarti con queste domande IMPORTANTI:

- Cosa accadrebbe se tu potessi vedere negli altri sempre il bambino o la bambina che è in loro?

- Non credi che forse quel bambino o bambina che è negli altri, possa aver subito brutte esperienze e condizionamenti crescendo…?

- Cosa accadrebbe invece, se tu potessi parlare al bambino che è in te, coccolandolo e proteggendolo?

- Non credi che accetteremmo i nostri errori passati e paure, per quello che siamo e per le risorse emotive che avevamo a disposizione in quel momento?

… ti lascio riflettere.

 

Nella parte 4 di Guardare oltre le apparenze, parleremo di sincronicità e di come saper osservare i segni impercettibili del destino. ;-)

Buona serata,

Giulio

Tags: ,

* Il Potere delle Emozioni

Cospirazione, Guarigione, Potenzialità del Cervello, Spiritualità No Comments »

Ciao,

ti sarà senz’altro capitato di urlare a squarcia gola, piangere, arrabbiarti con forza o ridere in maniera irrefrenabile, ecc. esprimendo in quel momento all’esterno, quello sentivi dentro

ebbene il quel preciso momento, stavi sperimentando …

il Potere delle Emozioni!

… e per la precisione il Potere delle TUE Emozioni!

Oppure quella volta hai ascoltato una canzone o delle parole che ti hanno tolto il fiato, o forse hai visto una commovente scena di un film o nella realtà, o forse hai visto un volto un luogo od un oggetto, o magari hai annusato un profumo … e ti sei emozionata ed emozionato così tanto, al punto che ti è venuta la “pelle d’oca” od hai provato dei brividi, hai pianto, hai riso, hai gridato, ti sei sentito triste o ti sei sentito così bene da sentirti al meglio!

Tutto questo è accaduto semplicemente per degli stimoli od impulsi esterni. Non so te, ma già questo, a me sembra davvero incredibile! 8O

Ci sfugge forse qualcosa?!? :-)

Ed allora se degli stimoli esterni e praticamente “impalpabili” possano sconquassare e cambiare così tanto il tuo stato interno ed interiore, provocando certe sensazioni…

hai idea di quanto valgano le tue emozioni?

Capirai che l’effetto delle emozioni negative od emozioni positive, possano fare una bella differenza … non credi? ;-)

Ecco perchè è importante Lasciare Andare le Preoccupazioni

E’ ormai noto che lo stress è la causa della maggior parte delle malattie. Anche secondo le recenti scoperte, le emozioni e soprattutto i blocchi emotivi, vengono salvati in alcune parti del corpo a livello di memoria cellulare. In pratica…

Le emozioni influiscono sulla tua salute!

Allora a proposito di ambiente e stimoli esterni, forse quel matto di Bruce Lipton, qualche ragione ce la potrebbe avere … ;-)

Capirai anche che le tue emozioni non sono certo controllate dalla tua parte razionale …  perchè molto spesso arrivano improvvise come un fulmine a ciel sereno … quasi come se la tua parte NON RAZIONALE (o non controllata), fosse libera di esprimersi con tutta la sua forza

Mettiamola così: alla luce di questo, immagina allora, quanto potere possano avere le tue emozioni positive :mrgreen:

non solo a livello di benessere corporeo, ma anche a livello di quella parte più profonda di te non controllabile

Poi venitemi a dire che siamo solo un corpo e non c’è altro … :???:

Si potrebbe obiettare allora sventolando la definizione di emozione:

Le emozioni sono stati mentali e fisiologici associati a modificazioni psicofisiologiche a stimoli naturali o appresi, la cui principale funzione consiste nel rendere più efficace la reazione dell’individuo a situazioni in cui per la sopravvivenza si rende necessaria una risposta immediata, che non utilizzi cioè processi cognitivi ed elaborazione cosciente”.

Ognuno tragga le sue conclusioni … ma se l’emozione di un bacio, se il commuoversi per una scena od un gesto d’amore, se sentire il calore dell’abbraccio di una persona, se l’emozione per un bambino neonato che con la mano ti tiene stretto il pollice, se l’emozione ed il piacere di aiutare qualcuno, se l’emozionarsi a guardare le stelle nella notte, … e se tutta questa specie di sentimenti positivi o di gioia che proviamo … possano servire solo alla sopravvivenza …

… allora permettetimi di dire: che tristezza! :-(

Stavolta da buon osservatore attento, avrai notato che non ho parlato fino ad ora di subconscio o di anima (quella tua parte non cosciente e quella parte profonda, chiamale come vuoi) … :oops:

Ti voglio confessare invece che:

Il tuo subconscio e la tua anima URLANO attraverso le emozioni!!!

oops… mannaggia l’ho detto anche stavolta! :-)

Buona giornata,

Giulio

Tags: , , ,

* Relax: tempo perfetto per la lettura di un libro

Miglioramento, Spiritualità No Comments »

Ciao,

il periodo delle vacanze e del riposo (qualunque sia la stagione dell’anno), non è solo tempo di relax, ma anche il tempo perfetto per la lettura di un libro.

La lettura di un libro durante un periodo di riposo è molto efficace!

Non sto parlando però di leggere libri tipo romanzo (e per carità se ti piacciono va benissimo)… mi riferisco alla lettura di libri che possano insegnarti qualcosa di pratico e possano migliorare od indicare la via per un cambiamento nella tua vita… una positiva vocina nell’orecchio o nella tua mente. :-)

Come esercizio per il tuo periodo di riposo, voglio proporti un piccolo esercizio: ;-)

la lettura di un solo libro per il corpo o per la mente o per lo spirito…

… (meglio se riguardante questo ultimo aspetto dei tre). E con spirito, intendo un libro che ritieni possa rigenerarti a livello emotivo interiore, possibilmente in un’area della tua vita che hai bisogno di migliorare positivamente o di approfondire in termini di conoscenze. Scegli tu il libro che ritieni possa toccare la parte più profonda di te (il tuo subconscio te lo indicherà perchè sarà giunto il momento giusto)!

Se preferisci alla lettura, l’ascolto di un audio libro (o audio corso) o la visione di un video (o dvd), va bene ugualmente… esaudisci i sensi che preferisci, a patto che ciò che leggi, ascolti o vedi, sia rigenerante positivamente per TE!

La lettura di un libro è a mio avviso meno immediata rispetto all’ascolto di un audio od alla visione di un video, ma la lettura di un libro ti permette di costruire ed immaginare maggiormente la realtà di quel libro secondo le tue personali sensazioni interiori, visive od auditive (in modo non precostituito).

Ti auguro un rivitalizzante periodo di riposo!

Un grande abbraccio,

Giulio

Tags:

? La Sindrome degli Antenati

Convinzioni, Cospirazione, Spiritualità 4 Comments »

Ciao,

se hai seguito un po’ questo blog, avrai letto di quanto la parte subconscia sia predominante sulla parte razionale regolandone i nostri comportamenti, oppure di come certe nostre predisposizioni spiccate per qualcosa, prevalgano rispetto ad altro o di come certi nostri comportamenti si ripetano a causa di programmi mentali subconsci del nostro cervello acquisiti nei primi 6/7 anni di vita e nelle esperienze di vita man mano che cresciamo …

ma cosa accade, se certe ricorrenze o coincidenze inspiegabili di fatti e date accaduti nelle vite dei nostri avi, si ripetono e si ripercuotono nella nostra vita attuale? Sto parlando di quella che viene chiamata:

la Sindrome degli Antenati.

La sindrome degli antenati, può sembrare una vera e propria stranezza…

Eppure, in un ragguardevole numero di casi, scavando nel passato di diverse famiglie, troviamo fatti e date che si ripetono inspiegabilmente nella storia degli antenati per quella famiglia… come una serie di eventi “curiosi” e persistenti… al punto che diventa davvero difficile definirle semplici coincidenze. 8O

Avvenimenti tragici, morti improvvise, malattie che si ripetono puntualmente…

e fin qui… potremmo banalmente definirle ereditarie (come ci hanno abituato a credere), …  anche se, secondo le ultime scoperte scientifiche, l’ereditarietà subisce un vero e proprio ridimensionamento. La mente è più forte dei geni, come illustrato nel libro del biologo Dott Bruce Lipton“La Biologia delle Credenze”,

IL PROBLEMA è che

determinati incidenti od avvenimenti che si ripetono ciclicamente in giorni o date predefinite di generazione in generazione… sono difficilmente spiegabili dall’ereditarietà.

Non solo avvenimenti negativi, ma anche positivi come promozioni, matrimoni, ecc. … con analogie di date che lasciano davvero sconcertati! 8O

Questa serie di coincidenze, viene anche detta:

Sindrome da Anniversario

Nonostante tutta questa stranezza di cose, vi sono molti casi documentati di sindrome da anniversario, nella storia di tante famiglie. 8O

Per fare un esempio fra i tanti… nel 1812 i chirurghi di Napoleone osservarono un fenomeno bizzarro: nei reduci della campagna di Russia, lo shock post traumatico dei soldati sopravvissuti all’orrore di particolari momenti della guerra, era stato trasmesso ai figli od ai nipoti, i quali rivivevano il tutto sotto forma di angosce ed incubi in corrispondenza della data o dell’anniversario di quegli eventi. 8O

… Quasi come se vi fosse una memoria inconscia emotiva che si trasmette di generazione in generazione.

Questo genere di cose, si riscontra in famiglie dove si sono avuti nodi irrisolti o non sciolti… dovuti al “non detto” … con fatti celati o segreti scabrosi rimasti tali.

In pratica in famiglie dove è mancata una comunicazione integra!

Difficile darne una spiegazione, anche se certe ultime scoperte della fisica quantistica come la scoperta della non esistenza del vuoto, potrebbero essere una strada… (approfondiremo in un altro articolo).

Problemi, traumi o comportamenti attuali di alcune persone, trovano riscontro in fatti uguali o simili, accaduti alle generazioni precedenti…

E’ quindi il passato a condizionare i comportamenti delle generazioni successive, quasi come una trasmissione di informazioni o di memorie inconsce emotive?

Spesso alcuni bambini od adulti riportano inconsciamente alla luce eventi o comportamenti simili come una sorta di imprinting dalla nascita… anche se nessuno li ha informati ed anche se non hanno mai vissuto qualcosa di simile.

Come è possibile?

E se forse in realtà … certi avvenimenti passati che sono stati la causa di alcuni nodi irrisolti emotivi, fossero stati vissuti veramente in vite precedenti?

Secondo quelle che sono definite le costellazioni familiari, la famiglia è un nucleo contenente un insieme di proprie convinzioni ed abitudini che influenzano i componenti.

In tutto questo mistero… a questo punto, riguardo il libero arbitrio, viene da chiedersi:

E’ possibile interrompere questo ciclo vizioso?

E se sì, a che serve?

Per la nostra continua ed autentica evoluzione interiore… e non solo della famiglia?

In uno dei prossimi articoli approfondiremo il tema delle Costellazioni Familiari e faremo altri esempi di casi reali.

Il mistero continua…

Buona notte,

Giulio

Tags: , ,

? Esperienze fuori dal corpo possibili?

Convinzioni, Spiritualità 5 Comments »

Ciao,

ho sempre creduto che ci fosse molto di più oltre a quello che vediamo o che i nostri sensi percepiscono. Una delle tante possibilità che mi hanno incuriosito ultimamente, sono le esperienze fuori dal corpo (o dette anche obe od O.B.E.E. ovvero Out of Body experience).

Fino a qualche anno fa, ne sarei rimasto spaventato. :-(

Siccome sono un curioso per natura… mi sono chiesto:

come cambierebbero certe convinzioni se una persona sperimentasse un’esperienza fuori dal corpo?

Già, cosa cambierebbe… sulla tue convinzioni che hai della realtà?

Credo che probabilmente riuscire ad accedere tramite esperienze obe ad una realtà diversa (rispetto a quello che percepiamo con i nostri sensi) … e probabilmente più spirituale, … farebbe cambiare la coscienza delle persone sulla vera importanza di certi valori e probabilmente si instaurerebbero dei rapporti fra gli uomini molto più profondi di quelli attuali… e questa ovviamente è una mia opinione personale.

Riguardo alle esperienze fuori dal corpo, stiamo parlando di fantasia o di una possibilità realmente fattibile?

Prove scientifiche non ve ne sono (in quanto difficilmente rilevabili o misurabili da un osservatore reale esterno)… ma questo non significa nulla riguardo alla possibilità che ciò non possa essere possibile (almeno per come la penso io). :mrgreen:

Mi piace sperimentare prima di decidere in proposito.

Eppure William Buhlman (considerato uno dei massimi esperti mondiali di esperienze extracorporee) nel videocorso in dvd “Liberarsi dal guscio”, dice che tutti possono sperimentare le esperienze fuori dal corpo. Occorre avere pazienza e non scoraggiarsi anche dopo qualche mese (lui parla di almeno 2 mesi).

Infatti dopo che ho visto questo video, ho cominciato a sperimentare… cercando di compiere dei viaggi fuori dal corpo od dei viaggi astrali. In questo video che o trovato interessante, vengono anche spiegate (tramite meditazioni guidate) due tecniche per avere un’esperienza extracorporea:

  • la tecnica delle affermazioni
  • la tecnica dei tre bersagli.

Fino a questo momento non sono riuscito ancora a sperimentare concretamente un’esperienza obe, ma ho sperimentato dopo essermi addormentato, uno dei sintomi che l’esperienza potrebbe essere plausibile…

ovvero

quella sensazione di cadere nel vuoto!

Ovvero non so se hai mai provato quella sensazione in cui fra il dormi veglia, magari mentre stavi dormendo sdraiato o seduto su una sedia, hai avuto un risveglio repentino come se tu stessi per cadere nel vuoto… eppure quando ti sei risvegliato, eri comodamente seduto senza alcun pericolo… pazzesco vero? 8O

William Buhlman dice che (fra i tanti), quello è uno dei possibili sintomi di un inizio di viaggio astrale. Addirittura nelle sue molteplici esperienze fuori dal corpo, parla di realtà parallele sperimentate!

Prima ho detto che non vi sono prove scientifiche, ma vi sono molte esperienze e testimonianze. Alcuni descrivono fra i tanti vantaggi ottenuti da tali esperienze extracorporee:

  • uno sviluppo di una grande consapevolezza della realtà;
  • la verifica personale della nostra immortalità;
  • la diminuzione della paura di morire;
  • un aumento delle capacità psichiche;
  • la guarigione spontanea;
  • il riconoscimento dell’influenza delle esperienze passate;
  • l’aumento per il rispetto della vita;
  • la riduzione sensibile dei conflitti;
  • la calma interiore;
  • un aumento dell’entusiasmo di vivere;
  • l’aumento della saggezza e della conoscenza piuttosto che delle credenze;
  • ecc.

Lo stesso William Buhlman era un agnostico prima di avere tali esperienze… e poi si è dovuto ricredere!

 

Ho cominciato anche a leggere il libro “Avventure Fuori dal corpo” (ovvero come sperimentare le proiezioni astrali volontarie)…  te ne darò comunque un resoconto completo quando avrò completato la lettura e sperimentato maggiormente le molteplici tecniche dettagliate descritte sempre da William Buhlman. Sempre in questo libro vengono descritte con novizia di particolari tutte le esperienze che l’autore ha sperimentato. 

Ma di questo ne parleremo ancora più avanti (comprese altre risorse) e ti terrò informato se riuscirò a sperimentare un obe od intraprendere un viaggio fuori dal corpo.

Eppure certe persone (come ad esempio quelli definiti Santi) avevano il dono della bilocazione e vi sono fatti e storie inspiegabili annessi a tali “doni”

Se tu che stai leggendo, sei fra quei fortunati che hanno avuto realmente un’esperienza fuori dal corpo, mi piacerebbe davvero avere una tua seria testimonianza.

Un grande abbraccio,

Giulio

Tags: , , , ,

^ Convinzioni o credenze sulle vite passate

Recensioni, Spiritualità 1 Comment »

Ciao!

Nuovi Misteri e nuove convinzioni o credenze sulle vite passate, si stanno sempre più facendo spazio in questi ultimi anni.

Le vite passate, rappresentano solo credenze o leggende metropolitane dell’immaginario collettivo?

Si può credere o non credere, ognuno può avere delle convinzioni in merito (l’influenza delle convinzioni è una delle tematiche principali di questo blog, assieme alle straordinarie potenzialità della mente ed il loro effetto sul corpo e sullo spirito :-) ), fatto sta, che vi sono delle testimonianze, avvenimenti e concidenze inspiegabili sempre più molteplici di persone appartenenti a zone diverse del pianeta ed a diverse condizioni sociali, che accrescono la curiosità e che spingono a porsi delle domande.

La reincarnazione è la teoria secondo la quale l’anima sopravviverebbe alla morte e rinascerebbe all’interno del corpo di un nuovo individuo. L’induismo od il buddismo e molte religioni orientali, contemplano questa possibilità, cosa che invece non prevede la religione cristiana (anche se, secondo certe statistiche, un cristiano su quattro confida di credere nella reincarnazione).

Eppure vi sono casi inspiegabili di persone che testimoniano episodi di vite precedenti!

Fra questi soggetti, vi sono oltre agli adulti, anche molti bambini (fra i 5-6 anni); a tal proposito vi sono inchieste condotte direttamente sui luoghi indicati (spesso dai bambini)  di cui spesso coloro che le indicano non hanno avuto mai alcuna conoscenza e che invece hanno rivelato coincidenze reali  ed impressionanti di luoghi o persone ed avvenimenti indicati.

Di storie strabilianti, ve ne sono molte: alcune a dire il vero, sono risultate essere false, ma alcune non trovano davvero risposta!

Uno dei casi più sorprendenti è quello di un bambino americano Gus Taylor che ha sempre sostenuto fin dai primi anni in tenera età, di essere stato nella vita precedente, il proprio nonno. Il padre Ron, ricorda benissimo che mentre ad un anno e mezzo cambiava il pannolino al figlio, questi lo abbia guardato negli occhi e li abbia detto che quando aveva sua età, era lui a cambiarli i pannolini! Il nonno di Gus si chiamava August (nonno Augy) e morì, l’anno prima che il nipote nascesse! :-|

Fu grande la sopresa dei genitori quando Gus a pochi anni vide per la prima volta una vecchia foto di un album famiglia e riuscì ad individuare ”il nonno” e la sua automobile; i genitori si sconvolsero ancor di più quando Gus da bambino disse che quando era il nonno, aveva una sorella che era morta e che si era trasformata in un pesce e che era scomparsa a causa di alcune persone cattive. In effetti nonno Augy, aveva avuto una sorella che venne uccisa ed il suo corpo fu gettato nella baia di San Francisco! Nessuno in famiglia aveva mai parlato di queste cose! 8-O

Certe predisposizioni od avversioni per luoghi o persone o certe abilità in qualcosa che abbiamo, secondo i vari casi documentati di esperienze di vite passate, sembrano essere derivate da vite precedenti.

Vi è una base di fondatezza riguardo alle vite precedenti?

Una vera rivoluzione della psicologia, ha dimostrato la validità della terapia regressiva.

Fra vari libri del settore, uno molto interessante è a mio giudizio il libro Oltre le porte del tempo dello psichiatra Brian Weiss esperto di reincarnazione ed ipnosi regressiva.

Nel libro sono descritti moltissimi casi di persone che riescono a curare molti problemi fisici ed emotivi attraverso l’ipnosi regressiva che le porta a rivivere o ricordare episodi di altri periodi ed in altri luoghi con cui non hanno avuto alcun legame (almeno nella vita attuale).

La cosa incredibile è che nella maggior parte dei casi, spesso le persone ripercorrendo questo viaggio nella memoria, si trovano a vivere situazioni di altri periodi con le stesse persone a cui sono legate nel presente, ma con ruoli diversi (ne è un esempio la storia di Gus)! Vi sono casi di persone che vivono una vita da uomo ed un altra da donna con condizioni sociali diverse. Spesso in queste vite passate vi sono le cause di alcuni disagi o problematiche del presente e la cosa straordinaria e che nella grande maggiornaza dei casi, le persone guariscono miracolosamente da certe problematiche fisiche od emotive dopo aver riportato alla luce certi episodi!

Si parla infatti anche di memorie presenti a livello cellulare.

Brian Weiss racconta anche come è avventua la sua profonda trasformazione da professionista all’interno dei canoni della scienza nel campo della psichiatria, fino all’incontro con una sua paziente Catherine, che durante una seduta di sperimentazione di ipnosi, ella le parlò di alcuni particolari (conosciuti solo da lui) legati alla morte del padre e del primogenito dello stesso psichiatra.

Brian Weiss racconta anche delle sua difficoltà a divulgare le sue scoperte non canoniche nella terapia regressiva, essendo uno psichiatra stimato, fino all’incontro con altri studiosi nel settore non usciti ancora allo scoperto ed aventi avuto esperienze simili con i loro pazienti.

Il libro contiene anche delle tecniche consigliate dall’autore, da sperimentare anche per conto proprio; vi è da dire che alcuni studiosi del campo consigliano però (prima di intraprendere sperimentazioni solitarie) di rivolgersi a dei veri esperti nel settore (ve ne sono anche in Italia).

Dato comunque il tema piuttosto delicato, approfondirò in futuro nelle mie ricerche tale argomento assieme alla tematica della PMT – Pyramidal Memories Transmutation (Trasmutazione Piramidale delle Memorie) e spero di riuscire a farlo portando testimonianze interessanti di studiosi e persone esperte nel settore. ;-)

Buona serata,

Giulio

Tags: , , , , , ,
Designed by NattyWP Wordpress Themes.
Images by desEXign.