~ La realtà sensibile (parte 2)

Eventi dal Vivo, Spiritualità 4 Comments »

Ciao,

talvolta viviamo delle esperienze a cui non sappiamo dare una spiegazione… eppure tali esperienze accadono e quanto meno ti pongono delle domande… :-?

lo scorso weekend, è proseguito il corso su “La realtà sensibile”, tenuto dalla medium Angela Albanese ed organizzato tramite l’associazione Casa Grande il Nespolo.

La realtà sensibile è intorno a noi

Il secondo appuntamento del corso, ha riguardato il contatto con il mondo spirituale e la realtà sensibile (a differenza del primo appuntamento che riguardò il contatto psichico).

Durante il secondo weekend, abbiamo parlato di tante cose, fra cui storia della medianità, tipi di manifestazioni, tipi di contatto, stati cerebrali, consapevolezza, vari esercizi personali sul significato dei simboli, colori, stagioni, ecc.

Tali esercizi sul significato simbolico, hanno un motivo ben preciso, non solo per scoprire se stessi, ma anche per il fatto che spesso la realtà sensibile ci parla attraverso concetti che ben conosciamo. Il medium è solo un tramite fra la persona che cerca il contatto ed il mondo spirituale.

Tutti abbiamo le capacità di comunicare con il mondo spirituale, e se l’intenzione è buona, possiamo entrare in contatto solo con entità dello stesso livello d’intenzione.

Durante il contatto con la realtà sensibile:

  • È importante lasciare all’oscuro il medium per non influenzarlo, onde evitare dubbi o perplessità;

  • Avvicinarsi all’esperienza con la massima apertura (in quanto la diffidenza crea ostacoli);

  • Rispetto, gratitudine ed amore, creano il presupposto essenziale per l’incontro;

  • La comunicazione avviene sempre per volontà del mondo spirituale;

  • Molti particolari che emergono durante un contatto, possono essere chiari per il consultante, ma è anche probabile che abbiano un significato preciso successivamente;

  • Talvolta i messaggi avvengono in termini simbolici specifici per la persona che riceve il messaggio;

  • Spesso l’entità trapassata, ha avuto un percorso evolutivo e quindi, alcune caratteristiche possono essere cambiate rispetto a quando era in vita;

  • Usare un atteggiamento umile senza esaltazione, che non sia corroso da pretese preconcette e da una perenne incontentabilità.

Il mondo spirituale desidera comunicare con noi, attraverso la realtà sensibile

Fra i tanti esercizi ed esperimenti pratici che abbiamo provato, ve ne è stato uno molto bello:

una persona usciva dalla stanza ed al suo rientro, le veniva dettato un numero di telefono fisso, sconosciuto, appartenente ad una persona trapassata (senza prefisso per non influenzare riguardo la provenienza). Tale numero veniva fornito da un altro partecipante ad Angela Albanese (e ad insaputa di chi era uscito dalla stanza). Al rientro nella stanza, tale numero veniva dettato dalla stessa Angela, alla persona che provava l’esperimento.

Mentalmente chi provava l’esperimento, doveva pensare a comporre quel numero su un vecchio telefono a ruota (senza tastiera), per poi mettersi la mano (a forma di cornetta) all’orecchio.

In genere, in caso di presenza, avviene un cambiamento corporeo sottile nella persona che inizia il contatto (ad esempio, calore, prurito, vertigini, brividi, ecc. in qualche parte del corpo).

Dopo pochi istanti, l’insegnante, faceva domande ben specifiche sulla persona, come ad esempio:

  • Percepisci la presenza?
  • Età?
  • Altezza?
  • Corporatura?
  • Capelli?
  • Portamento?
  • Nome?
  • Nomi associati a persone di particolare significato con quella persona trapassata?
  • Come è trapassata in vita questa presenza?
  • Qualche emozione associata a questa entità spirituale senti in questo momento?
  • Per quale ragione questa entità spirituale è qui?
  • Mesi o date di particolare significato associate?
  • Descrivi la casa o l’ambiente in cui viveva.
  • ecc.

Avendo provato tale esperimento in prima persona, ho capito che è importante lasciarsi andare senza porre dubbi o filtri razionali (la prima intuizione è quella che conta)…

inoltre spesso è importante chiedere intuizioni chiare all’entità spirituale stessa (di questo ho vissuto proprio l’esperienza diretta tirando fuori nomi sconosciuti o dettagli poi confermati, di cui non so ancora dire per quale motivo in quel momento li ho detti). 8O

Ebbene dato che debbo raccontare a cosa ho assistito… nella maggior parte dei casi, le persone hanno associato correttamente l’entità spirituale con una persona partecipante al corso, presente nella stanza, la quale aveva fornito il numero di un’entità trapassata (e che a chi faceva l’esperimento era ovviamente sconosciuta). La maggior parte di coloro che provavano gli esperimenti, ha fornito dati e dettagli clamorosi specifici, che avevano un preciso significato per una persona viva presente nella stanza, che doveva ricevere il messaggio.

Ovviamente chi provava l’esperimento, non poteva sapere nulla su tali dettagli.

Il mondo spirituale desidera comunicare con gente rispettosa della realtà sensibile

Lo Spirito è UNO, e se non lo rispettiamo, non rispettiamo noi stessi.

Ad onor del vero, altri dettagli tipo fatti o date passate di molti anni fa, alcuni partecipanti non li ricordavano e quindi sono da verificare, mentre altri dettagli futuri potranno essere compresi e verificati in seguito.

Come spiegare l’alta percentuale di successo negli esperimenti?

Suggestione, contatto psichico fra i presenti? 8O

Ognuno giudichi da se…

Volendo essere scettici, è vero, che fin che si tratta di caratteristiche generiche, tutti nella propria vita, possiamo ritrovarci qualche associazione… la vedo molto più difficile per dettagli specifici, come nomi, date, fatti dettagliati, ecc. che hanno avuto pieno riscontro.

Proseguiremo il discorso con il terzo appuntamento con la realtà sensibile a gennaio.

È possibile che durante il 2011, il gruppo del corso grazie alla guida di Angela Albanese, faccia una visita alla famosa scuola di medianità inglese “Arthur Findlay College” (raffigurata nell’ultima foto). Sarà un’esperienza molto interessante. ;-)

Vedendo tale foto, mi sembra di vedere la scuola Hogwarts di Harry Potter… chissà che l’autrice inglese J. K. Rowling non abbia preso spunto da lì.

Ti auguro una buona giornata,

Giulio

Che messaggio vuole dare questa entità spirituale?

Tags:

~ La realtà sensibile (parte 1)

Eventi dal Vivo, Spiritualità 4 Comments »

Ciao,

perchè molte persone sono attratte dalle capacità extrasensoriali (oltre i 5 sensi), mentre altre sono completamente scettiche? La risposta sta in larga parte, nelle credenze che si porta dietro ciascuna persona, e nel percorso che ha fatto fino a quel momento. Proprio in questo weekend ho preso parte al primo appuntamento (dei tre in programma) del corso “La realtà sensibile” tenuto dalla sensitiva Angela Albanese. Tale evento è organizzato dall’associazione “Casa Grande il Nespolo”.

Tu credi di avere le capacità di percepire la realtà sensibile?

 

Partiamo da un fatto:

tutti hanno più o meno sviluppate, le capacità di percepire la realtà sensibile, in base alla loro apertura dei canali extrasensoriali energetici (legata a fattori personali).

Talvolta serve anche scoprire tali capacità, educarle e direzionarle in una direzione piuttosto che un’altra.

Ho trovato sorprendenti ed interessanti una serie di esperimenti a cui domenica ci siamo sottoposti.

In questo primo weekend del corso “La realtà sensibile“, al sabato, vi è stata un analisi più teorica di alcuni concetti tratti da scritture antiche di varie culture, fra cui la cosmogonia (il mito della creazione), la morfologia dell’essere, la fisiologia sottile dell’essere e l’aura, postulati e leggi naturali universali, il sistema energetico, ecc.

La domenica invece è stata estremamente pratica, analizzando soltanto le capacità psichiche (o quello che viene anche detto sesto senso). Parleremo del settimo senso (la medianità vera e propria) nel successivo appuntamento.

Si deve tener conto sia delle capacità psichiche, sia medianiche, perchè

è molto importante distinguere i messaggi provenienti veramente dal mondo spirituale, dalle intuizioni personali che possono avvenire tramite la lettura del pensiero.

Sarà presto possibile scaricare una testimonianza audio, relativa a questo concetto da parte di Luisiana Furlanetto (sensitiva che ha frequentato per anni, in Inghilterra la Scuola di studi psichici e spirituali Arthur Findlay).

La realtà sensibile si estende a vari livelli.

Torniamo quindi alla domenica ed atteniamoci ai risultati degli esperimenti.

Al corso “La realtà sensibile“, eravamo 12 partecipanti di varie età. Fra i vari esercizi/esperimenti svolti, si deve distinguere:

  1. quelli per conoscere meglio se stessi;
  2. quelli per la percezione degli altri.

CATEGORIA ESPERIMENTI 1: Riguardo la prima categoria di esperimenti, sono stati fatti vari disegni, fra cui ad esempio colorare su un foglio le parti del corpo umano (come se fosse il proprio) ed un foglio con dei simboli… ed ogni partecipante ha trovato spunti scoprendo aspetti interessanti personali.

Ciascun colore usato o simbolo scelto, ha un significato preciso.

La cosa molto curiosa è stata che successivamente, ognuno ha pescato (pensando a se medesimo) una carta colorata in varie forme e sfumature (senza vederla) e la maggior parte delle persone ha pescato una carta con gli stessi colori usati per colorare le parti del corpo legate anche all’AURA (energia vitale che ci compenetra e ci circonda completamente, come nell’esempio della prima figura)!

Io ad esempio avevo colorato con gli stessi colori della carta pescata, anche l’esterno della sagoma umana nel foglio. 8O

Alcuni casi che avevano usato in larga maggioranza, praticamente un colore solo … hanno pescato clamorosamente una carta con quel solo colore! 8O

CATEGORIA ESPERIMENTI 2: Riguardo invece gli esperimenti della seconda categoria, sono stati fatti esercizi di lettura del pensiero e dell’imprinting energetico riguardo l’appartenenza di oggetti non personali.

Ogni partecipante infatti, ha portato un oggetto personale ed un oggetto di un’altra persona (entrambi tali oggetti sconosciuti e non visibili agli altri partecipanti), che sono stati divisi rispettivamente in due scatole separate.

Ciascuno ha preso un oggetto non suo, e tenendolo fra le mani…

 

doveva indovinare a chi appartenesse ed altre informazioni sull’oggetto.

Sorprendentemente in larga percentuale, (anche se non nel 100% dei casi), molti hanno indovinato l’appartenenza degli oggetti… fornendo anche qualsiasi altra informazione (storia, date, eventi o fatti passati, ecc.) che percepivano da ogni oggetto… e debbo dire che ci sono stati casi sorprendenti di vere e proprie coincidenze ! 8O

Soltanto coincidenza? 8O

Altri esperimenti sono stati la percezione dei cambiamenti sottili di un’altra persona, ad occhi chiusi. (Avendo fatto il corso sulle energie sottili, non sono stato sorpreso).

L’insegnamento più importante appreso durante gli sperimenti, è stato:

la prima sensazione è quella giusta… fidarsi di quella, evitando di razionalizzare!

 

Secondo le recenti scoperte di fisica quantistica, la cosa non è poi così soprendente…

Ti consiglio il video “Noi e l’Infinito” del fisico e ricercatore Vittorio Marchi, il quale dopo aver conosciuto l’ingegnere compagno di stanza e di studi di Enrico Fermi, alla Normale di Pisa, è stato infatti spettatore di fenomeni, che lo hanno reso responsabile della diffusione e della comunicazione extra-accademica, riguardo tali potenzialità umane.

Approfondiremo l’argomento e proseguiremo il discorso relativo al secondo appuntamento del corso “La realtà sensibile“: la medianità.

Buona serata,

Giulio

Tags:
Designed by NattyWP Wordpress Themes.
Images by desEXign.